Chi siamo

Il Consorzio C.D.R.T. - Consorzio Distribuzione Ricambi Toscana - nasce nel dicembre 2000 per iniziativa di un piccolo gruppo di Concessionari della città di Firenze.

A seguito dei primi, positivi risultati, nei mesi e negli anni successivi si registra l'entrata nella società di numerosi altri Concessionari della Toscana, permettendo così quell'espansione in termini di territorio, mezzi e servizi che oggi fanno del Consorzio C.D.R.T. una realtà tra le prime nel panorama ricambi regionale e nazionale.

È attivo nelle province di Firenze, Arezzo, Prato e Pisa, dove offre il suo servizio - assicurato da venti furgoni e altrettanti logistici, cui si aggiungono sette promoter, un capo consorzio e una segretaria amministrativa -ad oltre 900 Clienti tra officine e carrozzerie.

Il Consorzio C.D.R.T. vive sulla collaborazione e l'entusiasmo di tutti i Concessionari soci, che amano il proprio lavoro e vogliono vederlo crescere e svilupparsi all'interno del proprio territorio.

Il rapporto stretto che sussiste tra i Concessionari soci e gli autoriparatori affiliati, considerati prima di tutto partner con cui condividere lavoro e risultati, è alla base del successo del Consorzio Distribuzione Ricambi Toscana.

I SERVIZI DEL CONSORZIO C.D.R.T.

FORNITURA RICAMBI ORIGINALI

È la grande prerogativa del Consorzio: all'interno della rete di Concessionari e Clienti vengono distribuiti, esclusivamente, i ricambi originali necessari a garantire l'eccellenza della riparazione.

SERVIZIO LOGISTICO

I furgoni del C.D.R.T. ritirano quotidianamente la merce presso le sedi delle Concessionarie e si occupano di consegnare i ricambi, in giornata, alle officine e alle carrozzerie Clienti. Il Consorzio non utilizza quindi un magazzino di sua proprietà ma, in qualità di vettore, è in possesso di un documento di trasporto intestato alla Concessionaria e indirizzato al Cliente finale.

SERVIZIO COMMERCIALE

Promozione attiva sul territorio attraverso i Promoter, figure professionali opportunamente formate per fornire assistenza e favorire il flusso delle informazioni commerciali e la comunicazione fra le Concessionarie e le aziende Clienti.

RETE INCASSI

Pagamento unificato e senza commissioni: il Concessionario delega il Consorzio C.D.R.T. a incassare per suo conto e a bonificare, in unica soluzione, il totale delle fatture emesse nei confronti dei Clienti. Per questa attività ogni Concessionario socio inserisce tutti gli estremi delle fatture che il Concessionario stesso ha emesso nei confronti dei Clienti (officine e carrozzerie). Il Consorzio provvede quindi a emettere nei confronti del Cliente un riepilogo, su carta intestata del Consorzio, nel quale è indicato il totale delle fatture che il Cliente dovrà saldare unitamente ai suoi dati anagrafici (Ragione Sociale, Indirizzo, Cap Città, Banca d'appoggio), semplificando così l'attività.

PROMOZIONI E CONVENZIONI

I Concessionari soci hanno la possibilità di pubblicare attraverso il sito AsConAuto le loro promozioni o le comunicazioni commerciali che ritengono più utili. Queste sono visibili nell'Area Web di AsConAuto riservata a ogni singolo Cliente del Consorzio affiliato.

Il Consorzio CDRT ha inoltre stipulato convenzioni con aziende di primaria importanza, operanti in settori che vanno dalla consulenza in materia di sicurezza sul lavoro all'assistenza legale, che hanno come obiettivo la possibilità di fornire servizi di alta qualità complementari all'attività dei propri Soci e Clienti.

 

  • Post-Covid: Italia ancora senza incentivi
    29 maggio 2020 - Mentre la Francia vara un maxi-piano da 8 miliardi per la mobilità e la Germania si appresta a presentare una manovra analoga, l'Italia per il momento non si occupa di sostegni per il settore automotive facendo vedere nero agli operatori di un settore che, nel complesso, rappresenta il 10 per cento del pil nazionale...

  • Come ci muoveremo 'dopo'?
    27 maggio 2020 - Superata l'emergenza Covid, sette italiani su dieci utilizzeranno l'auto per i propri spostamenti; soltanto uno su dieci tornerà a servirsi dei mezzi pubblici, ritenuti poco sicuri sotto il profilo sanitario; la quota restante si divide tra bicicletta, scooter o moto, bike o car sharing. Complice la crisi economica, per l'acquisto di una nuova auto il 47...

  • Coronavirus: l’incubo Renault
    25 maggio 2020 - Continuano a farsi sentire gli effetti devastanti dell'emergenza coronavirus sul mercato dell'automotive. Questa volta a farne pesantemente le spese è Renault che sarebbe "in seria difficoltà finanziaria" e bisogna agire "urgentemente", perché "può scomparire": questo l'avvertimento lanciato dal ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK