Automatici, robotizzati, turbocompressori.
Il posto giusto è Autofficina 2000

Luca Pipparelli e Paolo Borzi, per tutti semplicemente Luca e Paolo. In 'Autofficina 2000' di Camucia di Cortona (Ar), nelle parole di Luca "un'azienda giovane, dove facciamo qualcosa che altri non fanno con la voglia di fare bene", ciò che conta è "la qualità del prodotto". Ecco perché "il nome basta".

Segno distintivo?
Cambi automatici, cambi robotizzati, turbocompressori. L'officina è stata fondata nel 1999 per iniziativa di Paolo. Io sono entrato come dipendente tredici anni fa e da sei sono socio. Abbiamo cinque dipendenti, l'attività è cresciuta negli ultimi anni, ci siamo anche ingranditi come struttura, dai 400 metri quadrati iniziali ai quasi mille di oggi. Siamo in affitto, per ora...

Le prospettive sono buone?
Il lavoro non manca, anzi. Siamo nati come officina tradizionale, poi abbiamo annusato l'aria e una decina di anni fa abbiamo introdotto l'assistenza sui cambi automatici, un servizio che in Toscana non c'era. Un 30 per cento circa è ancora riparazione tradizionale - una ventina di ingressi a settimana per tagliandi e manutenzione in un raggio di cento chilometri - ma il grosso è l'attività specialistica. Facciamo corsi di aggiornamento continui, ognuno secondo i propri compiti. Nel 2014 ci siamo ulteriormente specializzati sui turbocompressori, è una fetta di mercato interessante, siamo punto di distribuzione per Umbria, Lazio, Emilia e Trentino: vendiamo il prodotto nuovo e revisionato e abbiamo magazzini ricambi e officine affiliati.

I vostri clienti sono altre officine?
Anche. Le commesse per riparazioni di cambi automatici e turbocompressori sono sulle 40-50 a settimana: cambi automatici soprattutto sulle auto di fascia alta, cambi robotizzati sull'intera gamma delle piccole vetture.
Abbiamo commesse da tutta Italia: l'officina smonta il componente che noi ritiriamo tramite corriere, lo revisioniamo e infine riconsegniamo con lo stesso sistema. L'officina committente riceverà quindi il pezzo pronto per essere rimontato.

Lavorate anche con le flotte?
Arval, Athlon, LeasePlan, Targa Infomobility, Locauto, International Renting... È un'attività in aumento, con margini bassi ma si lavora.

Ricambi originali o (anche) di concorrenza?
Se è disponibile il ricambio originale la scelta è solo ricambio originale. Fatto cento gli acquisti, il 90 per cento è originale. È una prima scelta anche per un discorso di garanzie e di tranquillità nel montarlo.

Che rapporto avete con il Cdrt?

Quando ci è stato illustrato il progetto, un paio di anni fa, ci abbiamo pensato su un giorno e poi abbiamo accettato. Effettivamente funziona. Abbiamo una consegna al giorno, alla riapertura pomeridiana, in perfetto orario. Sappiamo che i ricambi arriveranno quel giorno a quell'ora e possiamo organizzarci con il cliente in modo da riconsegnare la sera. Certo, per alcuni ricambi basta un giorno, per i cambi automatici può passare una settimana.

Come ordina?
Sempre e solo telefonicamente.

Deduco che i magazzinieri rispondono..
Fila tutto liscio, non vedo problemi con le concessionarie, è migliorata anche la gestione dei resi.

  • Assistenza: prezzi e attività scendono
    16 novembre 2018 - Per otto autoriparatori su dieci i prezzi dell'assistenza a ottobre si sono mantenuti sostanzialmente stabili, ma i meccanici che segnalano un abbassamento sono più di quelli che segnalano un rialzo (19 contro 1 per cento). Lo dice il Barometro elaborato dall’Osservatorio Autopromotec sulla base della consueta inchiesta mensile...

  • Commerciali: ancora un calo a doppia cifra
    14 novembre 2018 - Così come settembre, che aveva registrato una flessione di circa il 22 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno, anche a ottobre il mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t) chiude con un calo a doppia cifra. Secondo le stime elaborate dal Centro studi e statistiche Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche...

  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK