Daimler, maxi-richiamo in Europa

La casa automobilistica Daimler dovrà al più presto provvedere al richiamo di 690mila veicoli diesel in tutta Europa, di cui 280mila in Germania, come già annunciato a metà giugno dal ministro dei trasporti tedesco, Andreas Scheuer. La conferma arriva da un portavoce del ministero dei trasporti. I veicoli dovranno essere richiamati per un dispositivo di controllo dei gas di scarico non conforme alla legge.

Dopo l'annuncio di giugno, Daimler aveva reso noto che avrebbe collaborato con le autorità, ma poi, come nel caso del minivan Vito, ha fatto ricorso contro la disposizione della motorizzazione tedesca (Kba). Sulla lista, accanto al minivan Vito, ci sono ora le varianti C-, E-, e la classe S, e i Suv GLC, GLE e GLS, ha reso noto il ministero. La casa di Stoccarda ci ha tenuto comunque a precisare che il dispositivo utilizzato non sarebbe illegale.



  • Assistenza: prezzi e attività scendono
    16 novembre 2018 - Per otto autoriparatori su dieci i prezzi dell'assistenza a ottobre si sono mantenuti sostanzialmente stabili, ma i meccanici che segnalano un abbassamento sono più di quelli che segnalano un rialzo (19 contro 1 per cento). Lo dice il Barometro elaborato dall’Osservatorio Autopromotec sulla base della consueta inchiesta mensile...

  • Commerciali: ancora un calo a doppia cifra
    14 novembre 2018 - Così come settembre, che aveva registrato una flessione di circa il 22 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno, anche a ottobre il mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t) chiude con un calo a doppia cifra. Secondo le stime elaborate dal Centro studi e statistiche Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche...

  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK