Dieselgate: ecco quanto ci è costato (finora)

Lo scandalo Dieselgate pesa sull'ambiente e sulla salute pubblica, ma anche sul portafoglio. Quello degli automobilisti europei che, dal 2000 al 2017, hanno messo 150 miliardi di euro in più di carburante rispetto a quanto avrebbero fatto se i consumi delle auto fossero stati in linea con quelli dichiarati. A fare i conti è la ong Transport & Environment, secondo cui in quei diciott'anni i tubi di scappamento hanno emesso più di quanto certificato dai test di laboratorio: 264 milioni di tonnellate di CO2 in più, pari alle emissioni annuali dell'Olanda intera.

Alla pompa il prezzo maggiore lo hanno pagato gli automobilisti tedeschi, che dal 2000 hanno sborsato 36 miliardi più di quanto avrebbero dovuto. Seguono gli inglesi con 24,1 miliardi e i francesi con 20,5 miliardi. L'Italia è quarta con 16,4 miliardi di euro, davanti alla Spagna (12 miliardi). Stando all'indagine, la distanza tra i consumi registrati dai test e quelli nel mondo reale è andata peggiorando.

La forbice si è aperta a dismisura, passando dal 9 per cento del 2000 al 17 per cento del 2008, fino al 42 per cento del 2017. Solo l'anno scorso la spesa aggiuntiva in carburante è stata di 23,4 miliardi di euro (2,2 in Italia), con emissioni in eccesso per 47 milioni di tonnellate.

Quel che esce dai tubi di scarico ha un impatto ambientale, ma anche sanitario. Secondo uno studio pubblicato nel settembre scorso sulla rivista Environmental Research Letters, ogni anno sono circa 450mila i decessi attribuibili in Europa all'inquinamento dell'aria, e sarebbero 4.500 quelli in più causati dal surplus di emissioni rispetto a quanto dichiarato. L'Italia, con 1.250 morti, risulta essere più colpita.



  • Assistenza: prezzi e attività scendono
    16 novembre 2018 - Per otto autoriparatori su dieci i prezzi dell'assistenza a ottobre si sono mantenuti sostanzialmente stabili, ma i meccanici che segnalano un abbassamento sono più di quelli che segnalano un rialzo (19 contro 1 per cento). Lo dice il Barometro elaborato dall’Osservatorio Autopromotec sulla base della consueta inchiesta mensile...

  • Commerciali: ancora un calo a doppia cifra
    14 novembre 2018 - Così come settembre, che aveva registrato una flessione di circa il 22 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno, anche a ottobre il mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t) chiude con un calo a doppia cifra. Secondo le stime elaborate dal Centro studi e statistiche Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche...

  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK