Sarà la Dino la prima Ferrari ibrida?

Potrebbe essere la futura Ferrari Dino, ipotizzato come modello d'ingresso alla gamma delle supercar del Cavallino, prima auto ad essere proposta con un motore 4 cilindri, frazionamento che non è mai stato usato in tempi moderni dall'azienda di Maranello. Lo confermerebbe la scoperta da parte di alcuni media, tra cui Autoguida, della registrazione presso l'Ufficio Europeo Brevetti di una soluzione di un inedito propulsore - appunto con 4 cilindri - che contiene all'interno dell'impianto di scarico una turbina per muovere un generatore di corrente.

Questo, a sua volta, alimenta un'unità elettrica che muove le ruote anteriori dell'auto garantendo la trazione integrale in caso di necessità (ma anche quella 100 per cento EV su brevi percorrenze) e assicura il movimento di un compressore elettrico che svolge le funzioni di sovralimentazione. Il brevetto - firmato da Fabrizio Favaretto, responsabile per Ferrari delle architetture ibride e quelle a motore posteriore, ma in precedenza a capo del reparto componentistica nel team di Formula 1 - prende spunto dalle power unit della F1 ed ha lo scopo di ottimizzare il funzionamento della turbina e del compressore, che normalmente sono solidali e che in questo caso sono scollegate e addirittura lontane.

Un progetto che va verso una nuova generazione di motori a benzina a ridotto impatto ambientale, in linea con le future regolamentazioni sulle emissioni. Una soluzione innovativa che potrebbe essere estesa anche ai modelli Alfa Romeo e Maserati che già oggi hanno sotto al cofano propulsori by Ferrari.



  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK