Il Cdrt del presidente Leone,
nel 2018 solo cose positive

"Che il 2017 sia per gli autoriparatori clienti e per tutti noi almeno uguale al 2016, anche se noi non ci accontenteremo". Erano state le parole beneauguranti del presidente del consorzio, Giovanni Leone, nella tradizionale intervista di fine anno. Sembra sia andata anche meglio...

Conferma presidente?
Pensiamo di raggiungere i 45 milioni di fatturato, siamo oltre il 10 per cento di crescita. L'annata è andata molto bene, sicuramente meglio rispetto agli anni precedenti, il trend si è mantenuto positivo per tutto l'anno. Si spera che possa continuare così.

Più di mille clienti, 74 concessionari, 29 tra promoter e logistici, 21 furgoni… Il consorzio ha ancora 'fame'?
Concentrazione, attenzione sono le parole che caratterizzano il nostro modo di operare. Abbiamo consolidato e incrementato il lavoro con i nuovi clienti arrivando a raggiungere il fatturato di 45 milioni. E penso che lo incrementeremo ancora.
Invece, sarà difficile acquisire nuovi clienti perché tutti quelli che sono nel settore se non sono già dentro vuol dire che non ci vogliono entrare. Abbiamo tutte le tipologie di autoriparatori e ce le teniamo strette, cercando di far crescere il fatturato dei più piccoli.

Il 2017 è stato un anno di novità, a cominciare dalla Placca PSA...
La Placca è partita e noi siamo stati al fianco dei concessionari, li abbiamo aiutati a cercare di avere meno problemi possibile, per loro e per noi. Abbiamo iniziato il lavoro ad aprile, il rodaggio è finito e quest'anno si vedrà come opererà a regime. Ci auguriamo che sia un rapporto costruttivo e di impegno da entrambe le parti.

Altre due novità portano la firma di AsConAuto: tracciabilità dei colli e nuova Area Riservata. Come stanno andando?
Stanno andando bene. La tracciabilità è stata ben accolta dai concessionari, abbiamo avuto soltanto qualche lamentela da parte di due concessionari. Il software BeeTip funziona: sapere che fine ha fatto il collo, dove si è fermato, quando arriverà a destinazione... senza che il cliente 'tempesti' il magazziniere per sapere se il suo pacco è partito.
Quanto alla nuova Area Riservata, per l'autoriparatore ci sono facilitazioni e maggiore completezza nelle risposte. Solo cose positive.

Quest'anno il Cdrt diventa maggiorenne. Avete in programma qualcosa di particolare?
Stiamo studiando la possibilità di consegnare un diploma ai clienti che hanno compiuto 18 anni con il consorzio, i clienti della primissima ora. A consegnare potrebbero essere personaggi importanti, proprio per dare forza all'evento.

A proposito di eventi... L'Originale Ti Premia ha mandato in soffitta gli eventi People?
Può darsi che nel 2018 i People ripartano, magari come 'People AsConAuto'. Ovviamente la campagna incentive 'L'Originale Ti Premia' resta, però potremmo fare anche qualcos'altro a livello di consorzio: sperimenteremo e valuteremo se ci sono i presupposti per far partire il progetto People a livello di rete AsConAuto. 

Dove le piacerebbe portare i suoi clienti?
Non è tanto dove li si porta ma come li facciamo stare. Il cliente si rende conto che le attività che facciamo le facciamo per il piacere di farle insieme, insieme a chi lavora con noi tutti i giorni… È il piacere di passare insieme del tempo libero. Potremmo anche pensare a un'iniziativa simpatica in sede.

  • Carpooling, che passione!
    16 gennaio 2019 - Fare il tragitto casa-lavoro con colleghi e dipendenti di aziende limitrofe, lasciando a casa la propria auto quando non si è 'di turno' alla guida, ha permesso di togliere dalle strade 116.569 auto e di risparmiare 3.120.385 chilometri, un dato cresciuto dell'82 per cento nel 2018 rispetto al 2017. Ne hanno beneficiato, ovviamente, sia il portafoglio...

  • Veicoli commerciali: 2018 con segno meno
    14 gennaio 2018 - Dopo un primo semestre con vendite allineate a quelle del 2017 e un forte peggioramento a partire da settembre, complice una non completa disponibilità di prodotti rispondenti alle nuove norme di omologazione, entrate in vigore il 1° settembre per gli autocarri di fascia di peso più bassa, i veicoli commerciali chiudono l'anno 2018 con una flessione...

  • Robo-taxi, il futuro è qui
    12 gennaio 2019 - Tra televisori arrotolabili e valigie che muovono le orecchie, al Ces di Las Vegas sono state presentate anche soluzioni di mobilità pronte all'uso. O almeno a test su larga scala. Stiamo parlando del robo-taxi del Gruppo tedesco ZF specializzato in componentistica e soluzioni high tech. Senza volante e senza pedaliera, derivato da un veicolo di serie...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK