Auto, gennaio con il segno 'più'

Buona la partenza del mercato auto nel nuovo anno: i dati forniti dal ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture parlano di 177.822 vetture immatricolate, pari a un incremento sullo stesso mese del 2017 del 3,36 per cento. Secondo il Centro Studi Promotor, nel 2018 il mercato dovrebbe crescere ancora, ma con un tasso di sviluppo del 4 per cento, più contenuto rispetto agli otto punti percentuali del 2016 e ai 16 del 2015. Il risultato di gennaio risente della frenata di alcune Case sui chilometri zero e comincia anche a essere influenzato dalla tendenza al rinvio delle decisioni di acquisto importanti che si manifesta in genere in coincidenza con appuntamenti elettorali decisivi, come è quello del 4 marzo.

L'incertezza del quadro politico pesa anche sul clima di fiducia che avvolge gli addetti ai lavori: complice il mancato rinnovo dei superammortamenti per l'acquisto di vetture strumentali, l'indice è sceso dal 44,6 di dicembre al 39,3 di gennaio. Il Centro Studi Promotor fa però notare che le previsioni degli operatori intervistati a fine gennaio sono "sostanzialmente positive: il 64 per cento prevede domanda stabile sui buoni valori attuali, mentre il restante 36 si divide equamente tra coloro che esprimono attese di rafforzamento della domanda e coloro che ne ipotizzano un indebolimento".

Considerando che è ancora alta la domanda di vetture rimasta insoddisfatta durante la Grande Crisi, e che su questa domanda la fortissima innovazione che sta interessando l'offerta di autoveicoli esercita una grande pressione, il Centro Studi Promotor conferma le sue previsioni di 2.050.000 immatricolazioni nel 2018 (e 2.200.000 nel 2019). Appena meno ottimista Unrae, secondo cui "il 2018, pur in presenza di segnali oggettivamente positivi, registrerà solo un lieve miglioramento rispetto al 2017, con una crescita che si assesterà all'1,3 per cento attorno a 1.995.000 immatricolazioni di autovetture nuove, 25.000 in più del 2017".

  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK