Mercato Europa, febbraio positivo

Secondo i dati diffusi dall'Acea, l'Associazione dei costruttori europei, le immatricolazioni di autovetture nuove in Europa (EU28+Efta) nel mese di febbraio 2018 sono state 1.159.039 e segnano un incremento del 4 per cento rispetto alle 1.114.659 dello stesso mese dello scorso anno. Il primo bimestre, quindi, totalizza 2.445.109 vendite, il 5,5 per cento in più rispetto ai 2.318.655 del periodo gennaio - febbraio 2017.

A trainare le vendite di febbraio il +13 per cento della Spagna, il +7,4 per cento della Germania e il +4,3 per cento della Francia. In controtendenza il Regno Unito dove la flessione continua e a febbraio registra un -2,8% I mercati mostrano performance diverse delle varie tecnologie, dal diesel all'elettrico e all'ibrido, che non danno ancora un'immagine omogenea dell'Europa.

"È prematuro un commento ai risultati delle vendite, certo è che l'Europa dei costruttori si è incontrata a Ginevra la settimana scorsa - ha commentato Romano Valente, direttore generale dell'Unrae, l'Associazione delle case estere in Italia - e il mondo dell'auto ha preso atto che una transizione verso una mobilità più attenta ai bisogni dell'uomo (sicurezza) e dell'ambiente (livelli di emissioni) è avviata. Il nuovo corso è già tracciato dalla necessità di rispettare l'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici (Cop 21), nonché il Regolamento europeo che fissa a 95 g/km di CO2 il limite delle emissioni entro il 2020".

"È perciò necessario gestire questa transizione seguendo le stesse raccomandazioni della Commissione europea che sta lavorando sugli standard, basandosi sul principio della neutralità tecnologica. In Italia - conclude Valente -, il processo di transizione deve cominciare dal rinnovamento omogeneo del trasporto pubblico con quello privato, con incentivi per le infrastrutture e un sostegno necessario, magari fiscale, per la vita quotidiana di automobilisti che oggi hanno una sensibilità ambientale, ma anche un budget da rispettare, per stimolare il rinnovo del parco anziano".



  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK