Dopo Genova automobilisti più prudenti?

Una buona notizia figlia di una tragedia: dopo il crollo del ponte Morandi a Genova, nello scorso weekend si sono registrati il più basso numero di morti sulle strade italiane e addirittura nessuna vittima sulla rete autostradale. Ne ha dato notizia l'Asaps sulla scorta delle rilevazioni compiute da Polizia Stradale e Carabinieri nelle ultime cinque settimane. 

"I numeri parlano - dicono dall'associazione sostenitori e amici della polizia stradale - e ci fanno pensare che l'incidente di Bologna prima e quello drammatico del viadotto di Genova poi è come se avessero messo paura agli automobilisti e motociclisti. Non può essere solo una coincidenza che nel fine settimana successivo al crollo del ponte Morandi si segni il record minimo di morti sulle strade e di zero morti sulle autostrade. Forse - concludono - è aumentata la prudenza e diminuita la velocità".

Più in dettaglio. Nel fine settimana del 20-22 luglio sono stati 29 i morti sulle strade italiane di cui quattro in autostrada (record di mortalità nei fine settimana del 2018); 17 morti nel weekend del 27-29 luglio e 23 in quello di esodo del 3-5 agosto. Nel fine settimana precedente al disastro di Genova, invece, si è registrato un lieve calo a quota 11 morti, di cui due in autostrada (10-12 agosto), mentre nel fine settimana dal 17 al 19 agosto, cioè il weekend successivo alla tragedia, il dato della mortalità precipita a sette morti totali (numero minimo di tutto il 2018 insieme a due fine settimana di febbraio) e zero in autostrada.

  • Colonnine elettriche: sorpasso storico!
    23 agosto 2019 - Nel Regno Unito si registra lo storico sorpasso dei punti di rifornimento per auto elettriche rispetto alle stazioni di rifornimento tradizionali per auto a benzina. L'evento è stato sottolineato con una nota dalla Nissan, produttrice della Leaf, auto elettrica più venduta in Europa. Nell'occasione, la Casa nipponica ha evidenziato come il sorpasso...

  • Alimentazioni: lunga vita a diesel e benzina!
    21 agosto 2019 - Il punto di vista di Bosch, che è il maggiore fornitore di componentistica e sistemi automotive al mondo, sullo sviluppo a medio e lungo termine delle tecnologie di propulsione, è sicuramente molto autorevole. Attraverso la sua divisione Mobility Solutions, che fattura oltre 47 miliardi di euro all'anno, Bosch spazia infatti da piccole parti...

  • Autostrade, torna il Tutor
    19 agosto 2019 - Autostrade per l'Italia informa che la Corte di Cassazione ha ritenuto del tutto infondati i motivi per i quali la Corte di Appello di Roma in data 10 aprile 2018 aveva ritenuto che il sistema di controllo della velocità media, cosiddetto Tutor, violasse le norme relative alla proprietà intellettuale della società Craft e dovesse essere rimosso. Aspi ha già...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK