Le multe arrivano via mail

Una notifica che non si può ignorare, una sanzione che non si potrà non pagare: è la multa che arriva via Pec, cioè a una casella di posta elettronica certificata. Secondo quanto previsto dal Decreto Legge 69 del 2013, pubblicato in Gazzetta Ufficiale martedì scorso, a partire da febbraio gli automobilisti che possiedono una Pec riceveranno la sanzione dell'infrazione al codice della strada via mail. In caso di contestazione immediata della sanzione sarà lo stesso guidatore a fornire alle Forze dell'ordine l'indirizzo della casella di posta Pec. Indirizzo che, negli altri casi, verrà individuato dalle autorità ricorrendo ai pubblici elenchi.

Per quanto riguarda termini di pagamento ed eventuale impugnazione, è bene sapere che la notifica si intenderà spedita "nel momento in cui - chiarisce il Decreto - viene generata la ricevuta di accettazione", e si riterrà notificata "nel momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna completa del messaggio Pec". Attenzione: entrambi i messaggi vengono generati in automatico, indipendentemente dal fatto che la mail sia stata vista o letta dall'interessato.

Inequivocabile l'oggetto della comunicazione elettronica - "Atto amministrativo relativo a una sanzione amministrativa prevista dal Codice della Strada" - che includerà come allegato la copia del verbale sottoscritta con firma digitale e la relazione di notifica. La mail preciserà anche il nome del funzionario pubblico responsabile "del procedimento di notificazione", l'indirizzo e il telefono dell'ufficio dove è possibile accedere al fascicolo, ogni informazione utile perché l'automobilista possa esercitare la sua difesa.
In caso di impossibilità di invio tramite Pec per assenza di recapito digitale, per esempio perché scaduta, l'amministrazione utilizzerà il metodo postale usato sino a oggi, con l'aggravio dei costi di notifica.

  • Carpooling, che passione!
    16 gennaio 2019 - Fare il tragitto casa-lavoro con colleghi e dipendenti di aziende limitrofe, lasciando a casa la propria auto quando non si è 'di turno' alla guida, ha permesso di togliere dalle strade 116.569 auto e di risparmiare 3.120.385 chilometri, un dato cresciuto dell'82 per cento nel 2018 rispetto al 2017. Ne hanno beneficiato, ovviamente, sia il portafoglio...

  • Veicoli commerciali: 2018 con segno meno
    14 gennaio 2018 - Dopo un primo semestre con vendite allineate a quelle del 2017 e un forte peggioramento a partire da settembre, complice una non completa disponibilità di prodotti rispondenti alle nuove norme di omologazione, entrate in vigore il 1° settembre per gli autocarri di fascia di peso più bassa, i veicoli commerciali chiudono l'anno 2018 con una flessione...

  • Robo-taxi, il futuro è qui
    12 gennaio 2019 - Tra televisori arrotolabili e valigie che muovono le orecchie, al Ces di Las Vegas sono state presentate anche soluzioni di mobilità pronte all'uso. O almeno a test su larga scala. Stiamo parlando del robo-taxi del Gruppo tedesco ZF specializzato in componentistica e soluzioni high tech. Senza volante e senza pedaliera, derivato da un veicolo di serie...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK