Noleggio a prova di vacanza

Che si tratti di un viaggio coast to coast all'estero o di una vacanza itinerante nel nostro Paese, sono molti gli italiani che per le ferie scelgono di noleggiare un'auto. Ma tra clausole, costi, documenti e optional, affittare un veicolo non è sempre semplice e le insidie sono dietro l'angolo. Per prima cosa - secondo quanto è precisato nel vademecum anti-truffe stilato dal sito di comparazione dei prezzi RcAuto, Facile.it - occorre prenotare prima, per risparmiare qualcosa ed avere a disposizione più mezzi tra cui scegliere.

All'arrivo, occorre scegliere se ritirare il mezzo in aeroporto o in uno dei centri noleggio in città. Non esiste una soluzione migliore in assoluto; il consiglio è di valutare con attenzione le tariffe. Il vademecum si sofferma anche sull'auto da scegliere: non è possibile decidere il modello, ma solo la macro-categoria (compatta, familiare, lusso, ecc.): una volta arrivati all'autonoleggio, si potrà decidere su quale veicolo salire a bordo tra quelli della categoria prenotata.

Nel caso in cui non vi fossero mezzi della categoria scelta disponibili, la società di noleggio potrebbe assegnare un veicolo superiore, naturalmente senza far pagare alcun sovrapprezzo. Ma attenzione perché, in caso di eventuali danni, i costi di riparazione potrebbero essere più alti.

Sulle auto sarà possibile vedere alcune sigle come C.C.A.R. o E.D.M.R, ma niente paura, orientarsi tra questi acronimi è semplice. Ogni lettera infatti identifica una caratteristica del veicolo: la prima identifica la categoria dell'auto (es. C per compatta, E per economica, ecc.), la seconda indica il tipo di veicolo (C per tre porte, D per quattro porte, V per van, ecc.), la terza il tipo di cambio (A per automatico e M per manuale) mentre l'ultima indica l'aria condizionata (M se assente, R se presente).

Per noleggiare l'auto è fondamentale avere una carta di credito, che deve essere rigorosamente intestata al guidatore del mezzo indicato nel contratto; sulla carta verranno addebitati deposito cauzionale, costo del noleggio ed eventuali danni o multe. Un requisito sul quale le compagnie di autonoleggio sono spesso irremovibili.

I parametri che incidono sul prezzo complessivo del noleggio sono molti e non sempre semplici da identificare; alla tipologia di mezzo che si intende guidare si aggiungono servizi accessori e variabili, che spesso fanno lievitare il conto. Occorre infine - aggiunge ancora il vademecum - fare attenzione alle condizioni relative al carburante indicate nel contratto. L'auto viene sempre consegnata con il pieno di benzina e così va restituita.



  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK