Noleggio a prova di vacanza

Che si tratti di un viaggio coast to coast all'estero o di una vacanza itinerante nel nostro Paese, sono molti gli italiani che per le ferie scelgono di noleggiare un'auto. Ma tra clausole, costi, documenti e optional, affittare un veicolo non è sempre semplice e le insidie sono dietro l'angolo. Per prima cosa - secondo quanto è precisato nel vademecum anti-truffe stilato dal sito di comparazione dei prezzi RcAuto, Facile.it - occorre prenotare prima, per risparmiare qualcosa ed avere a disposizione più mezzi tra cui scegliere.

All'arrivo, occorre scegliere se ritirare il mezzo in aeroporto o in uno dei centri noleggio in città. Non esiste una soluzione migliore in assoluto; il consiglio è di valutare con attenzione le tariffe. Il vademecum si sofferma anche sull'auto da scegliere: non è possibile decidere il modello, ma solo la macro-categoria (compatta, familiare, lusso, ecc.): una volta arrivati all'autonoleggio, si potrà decidere su quale veicolo salire a bordo tra quelli della categoria prenotata.

Nel caso in cui non vi fossero mezzi della categoria scelta disponibili, la società di noleggio potrebbe assegnare un veicolo superiore, naturalmente senza far pagare alcun sovrapprezzo. Ma attenzione perché, in caso di eventuali danni, i costi di riparazione potrebbero essere più alti.

Sulle auto sarà possibile vedere alcune sigle come C.C.A.R. o E.D.M.R, ma niente paura, orientarsi tra questi acronimi è semplice. Ogni lettera infatti identifica una caratteristica del veicolo: la prima identifica la categoria dell'auto (es. C per compatta, E per economica, ecc.), la seconda indica il tipo di veicolo (C per tre porte, D per quattro porte, V per van, ecc.), la terza il tipo di cambio (A per automatico e M per manuale) mentre l'ultima indica l'aria condizionata (M se assente, R se presente).

Per noleggiare l'auto è fondamentale avere una carta di credito, che deve essere rigorosamente intestata al guidatore del mezzo indicato nel contratto; sulla carta verranno addebitati deposito cauzionale, costo del noleggio ed eventuali danni o multe. Un requisito sul quale le compagnie di autonoleggio sono spesso irremovibili.

I parametri che incidono sul prezzo complessivo del noleggio sono molti e non sempre semplici da identificare; alla tipologia di mezzo che si intende guidare si aggiungono servizi accessori e variabili, che spesso fanno lievitare il conto. Occorre infine - aggiunge ancora il vademecum - fare attenzione alle condizioni relative al carburante indicate nel contratto. L'auto viene sempre consegnata con il pieno di benzina e così va restituita.



  • Colonnine elettriche: sorpasso storico!
    23 agosto 2019 - Nel Regno Unito si registra lo storico sorpasso dei punti di rifornimento per auto elettriche rispetto alle stazioni di rifornimento tradizionali per auto a benzina. L'evento è stato sottolineato con una nota dalla Nissan, produttrice della Leaf, auto elettrica più venduta in Europa. Nell'occasione, la Casa nipponica ha evidenziato come il sorpasso...

  • Alimentazioni: lunga vita a diesel e benzina!
    21 agosto 2019 - Il punto di vista di Bosch, che è il maggiore fornitore di componentistica e sistemi automotive al mondo, sullo sviluppo a medio e lungo termine delle tecnologie di propulsione, è sicuramente molto autorevole. Attraverso la sua divisione Mobility Solutions, che fattura oltre 47 miliardi di euro all'anno, Bosch spazia infatti da piccole parti...

  • Autostrade, torna il Tutor
    19 agosto 2019 - Autostrade per l'Italia informa che la Corte di Cassazione ha ritenuto del tutto infondati i motivi per i quali la Corte di Appello di Roma in data 10 aprile 2018 aveva ritenuto che il sistema di controllo della velocità media, cosiddetto Tutor, violasse le norme relative alla proprietà intellettuale della società Craft e dovesse essere rimosso. Aspi ha già...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK