Sauro Briscolini (M.B. di Prato):
"Del Cdrt sono più che contento"

Ha appena finito un soccorso, Sauro Briscolini, ma si rende subito disponibile. Meglio approfittare di questi pochi minuti che gli concede il lavoro in officina, da dove il carro attrezzi esce "dalle sette alle dieci volte al giorno". Siamo andati a trovarlo nella sua 'M.B'.

Anno di fondazione 1975, ma all'epoca non era di Sauro Briscolini...
Io ero uno dei dipendenti, poi mi sono messo in società con il principale e siccome le cose vanno bene finché vanno alla fine ho rilevato l'attività. Ma ho mantenuto lo stesso nome.
Adesso siamo in cinque tra cui due dipendenti, mia figlia Barbara che segue l'amministrazione e mio figlio Stefano in officina. Non ho obbligato nessuno, sono stati i miei figli a dirmi: "Babbo, veniamo da te".
Nel frattempo ci siamo allargati e dal 1984 siamo in Via Paolo dell'Abbaco a Prato, in una struttura nostra. Sono tre ambienti: due per il deposito e il soccorso e uno per l'officina, in totale circa 500 metri quadrati.

Per tutti i rami dell'autoriparazione?
Siamo autofficina, pneumatici, elettronica e soccorso stradale h 24. ll carro attrezzi esce dalle sette alle dieci volte al giorno, spesso l'auto resta a noi, ma non spingiamo con nessuno per onestà.
Ripariamo generiche e veicoli commerciali fino a 35 quintali. Abbiamo diverse ditte clienti, quindi una buona percentuale sono mezzi da lavoro. Qui entra un po' tutto quello che circola, dal Porsche Cayenne alla vecchia 500, una cinquantina a settimana.

Lavora anche con le società di noleggio?
Solo con Arval, da anni. I ricambi li forniscono loro, io riparo. Ho anche la licenza di noleggio: delle tre auto sostitutive due sono a noleggio e una in proprietà.  

A proposito di ricambi: quanto originale e quanto di concorrenza?
50 e 50. Se il cliente vuole originale montiamo sempre originale, se montiamo di concorrenza lo avvisiamo. Di questi tempi a volte non conviene il ricambio non originale, costa addirittura qualcosa di più.
Nella mia esperienza, ci sono ricambi specifici - parti motore, parti frizione, parti meccaniche - che sono da prendere soltanto originali, per altri non c'è differenza.

Quando è originale arriva via Cdrt?
Appena abbiamo saputo di questo modo di lavorare abbiamo detto subito di sì. Sono più che contento: in mezza giornata abbiamo i ricambi che vogliamo, senza uscire dalla ditta e senza perdere tempo. Arrivano velocemente, abbiamo anche due consegne al giorno.
Il servizio? Da Francesco (Petrocelli, promoter di zona, NdA) a 'scendere', tutti bravi.

Tutto bene anche con le concessionarie socie Cdrt?
C'è una sola concessionaria, di Prato, da cui non mi servo. Vado in un'altra dello stesso marchio e i ricambi arrivano comunque con il Cdrt.

Secondo lei perché i clienti scelgono M.B.?
C'è quel rapporto di fiducia, la gente si fida, arrivano anche da Firenze, da Pontedera…
Ho un dipendente, Marco Sanesi, che adesso ha 49 anni ed è con me da quando ne aveva 13! Qui dentro noi siamo tutti insieme che ridiamo, scherziamo, ci prendiamo in giro e siamo seri quando è il momento di essere seri. La gente ci conosce, e sa che se facciamo un errore lo riconosciamo.

  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK