Demolizioni tracciate e trasparenti

Si regge sulla tracciabilità e la trasparenza la piattaforma targata Cobat (Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo) e Car (Confederazione Autodemolitori Riuniti), che permette ai costruttori di monitorare in tempo reale il fine vita delle proprie auto e di accedere online a informazioni relative ai componenti di ogni veicolo seguendo tutto il percorso dei rifiuti fino al riciclo.

Il nuovo sistema di gestione, che rientra in 'Easy Collect - la raccolta semplice e veloce', prevede un registro virtuale di carico e scarico in grado di dialogare con tutti i gestionali usati dagli autodemolitori. Prevista anche la realizzazione di report per marchi e modelli, sui rifiuti filtrati per codice di rifiuto e anno con una lettura dei rifiuti prodotti per ogni singola auto demolita e di confronto tra percentuali dei veicoli demoliti e rifiuti prodotti.

Per gli autodemolitori, l'adesione alla piattaforma è un marchio di garanzia e di qualità che consentirà di essere riconosciuti dalle Case auto come 'green'; per le istituzioni e le forze dell'ordine, uno strumento in più con cui combattere l'illegalità.

"Le Case automobilistiche", ha ricordato il presidente Cobat, Giancarlo Morandi, "hanno l'obbligo legislativo di provvedere a ritirare i veicoli fuori uso organizzando una rete di centri di raccolta in tutta Italia, ed entro sei mesi dall'immissione sul mercato devono mettere a disposizione degli impianti di trattamento autorizzati tutte le informazioni per la demolizione". 

"Già oggi", gli ha fatto eco Alfonso Gifuni, presidente di Car, "con Easy Collect interpretiamo le necessità che il Governo italiano avrebbe voluto conseguire con il Sistri, che ad ora ha prodotto, purtroppo, solo la tassa d'iscrizione senza garantire la tracciabilità. Il fatto poi che ci si sincronizzi con le Case auto farà si che accompagneremo le nostre aziende fino al conseguimento dell'Ecolabel, massimo livello di certificazione ambientale".

La piattaforma sarà a regime da settembre.

  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK