Acqua piovana per pulire il parabrezza

Riutilizzare l'acqua piovana per mantenere pulito il parabrezza della propria automobile. Un modo semplice ed economico per risparmiar miliardi di litri d'acqua. L'idea geniale non poteva che venire dalla mente di due bambini. Si tratta di Daniel e Lara Krohn, due fratelli tedeschi che, l'estate scorsa, mentre viaggiavano a bordo dell'automobile di famiglia, si sono ritrovati nel bel mezzo di un acquazzone.

Quando Gerd, il loro papà, al volante, ha cercato di ripulire il parabrezza, la vaschetta dei liquidi lavavetro era vuota e il vetro, goccia dopo goccia, sempre più sporco. Da qui, l'idea dei due fratelli sul riutilizzo dell'acqua piovana, che tra l'altro ha permesso loro di vincere una competizione scientifica locale e che ora verrà testata con un'automobile a grandezza naturale.

Quell'idea nata così, un po' per caso, infatti adesso è al vaglio di ingegneri Ford che hanno deciso di testare il dispositivo applicandolo a una vera Ford S-Max. Per raccogliere l'acqua, dei tubi di gomma sono stati collegati dal parabrezza alla vaschetta dei liquidi lavavetro.

Si prevede che l'utilizzo di acqua da parte dei veicoli possa aumentare in quanto anche telecamere e sensori devono essere mantenuti puliti. Gli ingegneri Ford, a tal proposito, stanno già lavorando a nuove metodologie per il recupero dell'acqua, ad esempio attraverso la condensa, e anche assorbendo l'umidità dall'aria per poi filtrarla e ridurla allo stato liquido.

  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK