Rete stradale: serve piano straordinario

Per rimettere gradualmente in sicurezza la rete stradale in Italia occorre un piano straordinario che nei prossimi 5 anni porti quasi a un raddoppio degli interventi, passando dai 12mila chilometri di strade manutenute nel 2017 a oltre 22.500 su un totale di 670mila chilometri e aumentando la spesa dagli attuali 1,6 miliardi di euro a 3,8 all'anno.

Gli impatti ambientali potrebbero essere ridotti, puntando su interventi innovativi e tecnologie esistenti, tagliando le emissioni di gas serra che calcolate sul ciclo di vita passerebbero da 3,7 a 3 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, con una riduzione ogni anno di 660mila tonnellate rispetto a interventi tradizionali, evitando il prelievo di 35 milioni di tonnellate di conglomerati da materia prima vergine.

È quanto emerso nel corso della presentazione dell'anteprima dello studio condotto dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e dall'Associazione strade italiane e bitumi (Siteb), illustrato nel corso di Asphaltica World, il Salone dedicato alle infrastrutture stradali e alle opere di impermeabilizzazione a Roma.

Dal 2006 a oggi secondo Siteb sono mancati interventi di manutenzione, ordinaria e straordinaria, delle pavimentazioni stradali su circa 90mila chilometri per un valore economico complessivo di oltre 12 miliardi di euro. Per realizzare il piano straordinario ci sarebbe la posa in opera di 55 milioni di tonnellate di conglomerato ogni dodici mesi e in trent'anni si interverrebbe su 660mila chilometri di strade, praticamente l'equivalente della intera rete nazionale di strade asfaltate.



  • Fusione Psa-Fca: rumors scatenano la Borsa
    20 marzo 2019 - La famiglia Peugeot è pronta a sostenere Psa in eventuali operazioni di acquisizione che potrebbero coinvolgere anche Fca. A rilanciare i rumors su una possibile alleanza, dopo quelli circolati al Salone dell'Auto di Ginevra, è Robert Peugeot: intervistato da Les Echos, l'amministratore delegato della holding di famiglia si dice appunto...

  • Cittadini nel caos: quale motore scegliamo?
    18 marzo 2019 - La demonizzazione del Diesel ha avuto tra i suoi effetti quello di creare confusione tra gli italiani che si apprestano a sostituire la propria auto. Lo rivela l'indagine Doxa 'Cittadini nel caos: quale motore scegliamo?' presentata all'evento milanese Forum Automotive. Secondo lo studio a risposta multipla, il 71 per cento non si sente...

  • Mercato Europa: febbraio in lieve calo
    15 marzo 2019 - A fronte di un inizio anno che ha segnato una marcata flessione delle vendite di auto nuove (-4,6 per cento), il mese di febbraio torna a registrare livelli di vendita più in linea con lo scorso anno, nonostante il risultato riporti un segno negativo. Secondo i dati diffusi dall'Acea, l'Associazione dei costruttori europei, le vendite di autovetture nuove nell'Europa...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK