Revisioni a rischio: mancano ispettori

La revisione periodica degli autoveicoli presso le officine autorizzate rischia ditrasformarsi in una "via crucis" per gli automobilisti per mancanza degli "ispettori" responsabili della revisione. Lo denunciano le stesse officine meccaniche, rappresentate dalla Cna in una lettera al ministro dei Trasporti Danilo Toninelli. A farne le spese, ancora una volta, potrebbe essere il cittadino che senza la revisione rischia sanzioni che vanno da 156 a 639 euro con sospensione della carta di circolazione e fermo del veicolo.

Il rischio di "paralisi" dell'attività di controllo è frutto del "tilt" normativo fra leggi europei e loro recepimento italiano. In pratica, una direttiva comunitaria del 2014, recepita lo scorso anno in Italia con un decreto ministeriale, ha sostituito la figura del "responsabile tecnico delle revisioni" con un "ispettore". Ora a un anno dall'entrata in vigore della normativa non sono ancora stati emanati i decreti attuativi per formare i "nuovi ispettori".

A peggiorare la situazione, si sono aggiunte le "interpretazioni" della burocrazia italiana che - come lamentano le officine nella lettera al ministro - hanno nel frattempo sospeso i corsi di preparazione al conseguimento della qualifica ed espressamente vietato alle officine di sostituire temporaneamente il responsabile della revisione con "un dipendente dello stesso centro dotato di esperienza pluriennale" per 30 giorni in un anno.



  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK