Francesco D'Amato (Service Car):
"Nel Cdrt, tutte persone a modo"

Lo chiamano "il meccanico dei ricchi", Francesco D'Amato, ma è solo perché "Bmw rappresenta il 40 per cento degli ingressi". Fondatore nel 2011 di 'Service Car' a Empoli (Fi), ha lavorato tutta una vita per il marchio tedesco prima di mettersi in proprio. Una scelta quasi obbligata.

Che le è capitato?
Ho rilevato l'azienda per cui lavoravo, o così o si restava a piedi. Come si dice: o la va o la spacca, è andata. Siamo in quattro compresa Barbara, l'amministrativa, in una struttura di 250 metri quadrati coperti che comincia a essere piccina per il giro di lavoro.
Grossi numeri no, ma ogni giorno entrano dalle 4 alle 10 macchine. Si cerca di smaltire di settimana in settimana, lavorando su appuntamento (tranne che per l'emergenza).

Leggo online che Service Car è specializzata Bmw, Mini, Jaguar…
Bmw da sola fa il 40 per cento, Jaguar l'1-2 per cento. Il resto è multimarca, tanto Volkswagen e Mercedes. Ecco perché mi chiamano 'il meccanico dei ricchi', mi prendono in giro, ma io non sono per nulla snob. Anzi, benvenute tutte.

Anche le flotte?
Tutto fa brodo, i numeri si guardano a fine anno. Ma il noleggio non l'ho mai cercato, il lavoro c'è. Facciamo anche servizio gomme. Giorni caldi? Quest'anno è calmo, qualcuno è partito prima, non c'è ancora stato il flusso dell'anno scorso e di due anni fa.

Clienti da dove e perché?
Da Empoli e zone limitrofe, da Firenze, da Siena… qualcuno arriva anche da Roma.
Credo prima di tutto per la disponibilità, poi faccio servizi che altri non fanno (quindi mi arrivano le beghe), per esempio sui filtri antiparticolato…
Lavoro con il tempario, i clienti apprezzano. Per tanti non c'è problema, altri chiedono il preventivo, vogliono sapere dove vanno a cascare con la spesa.

Che cosa monta?
Per la maggior parte ricambi originali. Mi piacerebbe dire il 90 per cento, ma alcuni magazzini ti fanno aspettare troppi giorni, e quando hai una macchina sul ponte sei 'costretto' a comprare di concorrenza. Qualche volta ci sono anche problemi di comunicazione: Integra, per esempio, io lo uso, ma non tutti i magazzini ti rispondono rapidamente per dirti se il ricambio è disponibile e in che tempi. Invece, certe risposte le devi avere subito.

Potendo, originale perché?
Per lo sconto in più (che mi fanno le concessionarie con cui lavoro tanto), per la garanzia più solida al cliente, per la velocità se c'è un problema da risolvere. A volte il prezzo non converrebbe, ma c'è un 'contorno' che giustifica il costo più alto.
E poi, qualitativamente i ricambi originali sono migliori, per tanti marchi c'è anche una linea economica. Meglio economica ma originale che di concorrenza.

L'anno scorso - comprando originale - ha vinto il viaggio premio a Bucarest...
È stato un… ripescaggio, e sono stato benissimo. Non compro più di quel che serve per provare a vincere il viaggio, però Barbara l'area riservata la tiene d'occhio.
Il Cdrt? Sono diventato cliente subito. Apprezzo la consegna a domicilio, oggi chiamo e domani consegnano, meglio di così! E poi gli operatori sono tutte persone a modo, ogni volta disponibili, non mi hanno mai 'rimbalzato'.

  • Assistenza: prezzi e attività scendono
    16 novembre 2018 - Per otto autoriparatori su dieci i prezzi dell'assistenza a ottobre si sono mantenuti sostanzialmente stabili, ma i meccanici che segnalano un abbassamento sono più di quelli che segnalano un rialzo (19 contro 1 per cento). Lo dice il Barometro elaborato dall’Osservatorio Autopromotec sulla base della consueta inchiesta mensile...

  • Commerciali: ancora un calo a doppia cifra
    14 novembre 2018 - Così come settembre, che aveva registrato una flessione di circa il 22 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno, anche a ottobre il mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t) chiude con un calo a doppia cifra. Secondo le stime elaborate dal Centro studi e statistiche Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche...

  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK