Trasporti, gli effetti sul clima

Il Gruppo tedesco Schaeffler, uno dei più importanti a livello mondiale nell'ambito della componentistica high tech e proprietario di Continental e di Ifa, ha diffuso uno studio che sottolinea come la previsione di un aumento della temperatura della Terra di 5 gradi nell'anno 2100 possa essere ridotta di 3 gradi con opportuni interventi sui trasporti che hanno un importante contributo nelle emissioni di CO2.

Non esiste un'unica soluzione per raggiungere una mobilità sostenibile, si legge nello studio, ed occorre considerare l'intera catena energetica, dalla produzione e stoccaggio alla sua conversione in energia cinetica. Quasi il 70 per cento delle emissioni globali di CO2, causa principale del riscaldamento globale, sono dovute alla combustione di combustibili fossili e il settore dei trasporti rappresenta quasi un quarto di questa percentuale.

Secondo varie stime, nell'anno 2100 la temperatura media del pianeta aumenterà appunto di 5 gradi, con conseguenze disastrose per l'ambiente e l'umanità. Schaeffler ritiene, si legge sempre nella stessa ricerca, che questo aumento possa essere ridotto, come accennato, di 3 gradi facendo ricorso a tutte le tecnologie disponibili. Se il volume della produzione automobilistica continuerà a crescere al ritmo attuale, nel 2050 saranno prodotti 120 milioni di veicoli e, secondo uno studio della Shell, ci saranno 2 miliardi di macchine circolanti nel mondo.

A quella data l'80 per cento delle auto vendute in quell'anno funzionerà con una propulsione completamente elettrica, il 16 per cento sarà ibrida e solo il 4 per cento sarà alimentato esclusivamente da un motore a combustione. A livello di flotta globale nel 2050, il 9% delle auto utilizzerà un motore a combustione, il 25 per cento sarà ibrido e il 66 per cento sarà elettrico o a idrogeno. Nel 2050 grazie all'elettrificazione e ai progressi tecnologici, le emissioni complessive dell'auto passeranno dalle attuali 3,7 gigatonnellate a 1,2.

L'85 per cento di queste emissioni sarà prodotto nelle città, che concentrerà il 50% della popolazione mondiale in solo il 2 per cento dello spazio disponibile sul pianeta. Per questo motivo, la progettazione di soluzioni e tecnologie per rendere più efficiente la mobilità urbana è così importante e, secondo Schaeffler, i veicoli elettrici potranno essenzialmente soddisfare le esigenze di mobilità delle persone nelle aree urbane.



  • Isfort, mobilità su due gambe
    12 novembre 2018 - Nel 2017 il tasso di motorizzazione ha raggiunto le 63,7 auto ogni 100 abitanti contro le 62,5 del 2016, ma gli italiani per muoversi non disdegnano la bicicletta, il trasporto pubblico e soprattutto le proprie gambe, modalità quest'ultima in vistosa crescita: era il 17,1 per cento due anni fa, il 22,5 l'anno scorso. Sono cifre contenute...

  • Targhe estere, rischio confisca dell’auto
    9 novembre 2018 - Il governo, grazie a un provvedimento ad hoc contenuto nel decreto sicurezza, ha deciso un vero e proprio giro di vite per quei non pochi furbetti che, grazie a una finta residenza fiscale all'estero di una società, immatricolavano la propria auto oltreconfine, dunque con una targa straniera, pur svolgendo però la propria attività lavorativa...

  • Motorizzazione, carico fiscale da record
    7 novembre 2018 - Nuovo record per il carico fiscale sulla motorizzazione in Italia: nel 2017 ha raggiunto i 74,4 miliardi di euro, il 2 per cento in più rispetto all'anno prima. Stabile la percentuale sul gettito complessivo, che si mantiene al 16 per cento come già nel 2015 e nel 2016, mentre la percentuale sul Pil è del 4,3 per cento contro una media europea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK