Mercato: bene dicembre ma non basta

Finalmente il segno positivo dopo tre mesi giù: a dicembre il mercato auto ha chiuso a quota 124.078 immatricolazioni, l'1,96 per cento in più rispetto alle 121.689 dell'ultimo mese del 2017. Il lieve recupero di dicembre, comunque, non modifica il bilancio negativo dell'anno: 1.910.025 nuove targhe contro il 1.971.345 dell'anno prima (-3,11 per cento).

Male FCA, che archivia le vendite del 2018 in calo del 10,41 per cento: 499.546 immatricolazioni contro le 557.607 del periodo gennaio-dicembre 2017. A dicembre, in particolare, ha perso più di un punto percentuale; le consegne sono state 31.648, 353 meno delle 32.001 del dicembre 2017.

Secondo il Centro Studi Promotor, la battuta d'arresto del mercato auto italiano ha diverse cause: alcuni costruttori hanno decelerato sui chilometri zero, dal 1° settembre è stato introdotto il nuovo sistema europeo di omologazione WLTP e, soprattutto, l'economia italiana ha progressivamente rallentato. La crescita del Pil, che nell'ultimo trimestre del 2016 e nel primo del 2017 aveva fatto registrare incrementi congiunturali dello 0,5 per cento, si è infatti via via ridotta fino al calo dello 0,1 nel terzo trimestre 2018 (peggioramento atteso anche nel quarto). 

Non stupisce dunque che la rilevazione mensile sul sentiment degli operatori auto condotta dal Centro Studi Promotor dica che l'11 per cento degli interpellati si attende una crescita della domanda, mentre il 52 ipotizza stabilità e ben il 37 per cento si aspetta una frenata.

  • Colonnine elettriche: sorpasso storico!
    23 agosto 2019 - Nel Regno Unito si registra lo storico sorpasso dei punti di rifornimento per auto elettriche rispetto alle stazioni di rifornimento tradizionali per auto a benzina. L'evento è stato sottolineato con una nota dalla Nissan, produttrice della Leaf, auto elettrica più venduta in Europa. Nell'occasione, la Casa nipponica ha evidenziato come il sorpasso...

  • Alimentazioni: lunga vita a diesel e benzina!
    21 agosto 2019 - Il punto di vista di Bosch, che è il maggiore fornitore di componentistica e sistemi automotive al mondo, sullo sviluppo a medio e lungo termine delle tecnologie di propulsione, è sicuramente molto autorevole. Attraverso la sua divisione Mobility Solutions, che fattura oltre 47 miliardi di euro all'anno, Bosch spazia infatti da piccole parti...

  • Autostrade, torna il Tutor
    19 agosto 2019 - Autostrade per l'Italia informa che la Corte di Cassazione ha ritenuto del tutto infondati i motivi per i quali la Corte di Appello di Roma in data 10 aprile 2018 aveva ritenuto che il sistema di controllo della velocità media, cosiddetto Tutor, violasse le norme relative alla proprietà intellettuale della società Craft e dovesse essere rimosso. Aspi ha già...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK