Carrozzeria Cantini: da 18 anni con il Cdrt,
dal 1963 "artigiani nel cuore"

"Avevo scritto per una pubblicità: tecnologia, innovazione, servizi con un cuore artigiano". Ha il dono della sintesi Annarosa Cantini ma, soprattutto, la capacità di cogliere con due parole l'essenza dell'azienda di famiglia: cuore artigiano. Classe 1963, 'Carrozzeria Cantini' di Scandicci (Fi) è anche una delle 150 imprese di autoriparazione che può dirsi cliente del Cdrt dalla prima ora, da 18 anni. Ci siamo arrivati partendo da lontano.

Correva l'anno 1963 e papà Elio...
Apriva la carrozzeria, da solo, in un garage. Poi c'è stato il trasferimento in Via di Scandicci che abbiamo lasciato dopo un grave incendio nel 1973. Ci siamo spostati in Via del Molin Nuovo dove siamo rimasti per 25 anni, fino a che è cambiata la destinazione d'uso dell'area e un'attività produttiva non ci poteva più stare. Dal 1998 siamo in Via di Casellina, in un capannone della zona industriale di 330 metri quadrati coperti più magazzino e altri 100 metri esterni.
Lavoriamo in otto: io e mio fratello Francesco titolari, cinque operativi e un'amministrativa.

Carrozzeria pura?
Siamo nati come carrozzeria e restiamo carrozzeria. Che non vuol dire non dare servizi extra: il cliente ha bisogno del gommaio? Sappiamo dove portarlo. E poi facciamo anche tuning, pellicole, verniciature opache, riparazione e sostituzione cristalli, servizio levabolli...
Abbiamo una media di 650-700 fatture l'anno. Forse per cultura, non è che se viene la cliente con la Pandina la mandiamo via, e poi magari arriva il marito con il BMW o con la Porsche... Lavoriamo tanto sul passaparola e sulle segnalazioni online, fondamentalmente sul territorio, ma c'è anche il cliente di fuori zona o il cliente che sta lontano e ha un'azienda vicina.

Multimarca?
Multimarca dopo essere stati per tanti anni autorizzati Alfa, poi Volkswagen e infine Ford. Oggi entra un po' di tutto: Peugeot, Fiat, Suzuki, Renault... il circolante.

Non siete nemmeno convenzionati?
No per scelta, volontariamente. In questo momento è faticosa da reggere ma è proprio una scelta. Siamo nati nel 1963 come ditta artigiana, siamo artigiani nel cuore, ci piace avere il contatto con il cliente, curarlo, seguirlo anche dopo la riconsegna della macchina.
Abbiamo lottato per arrivare a questo e ci dispiacerebbe diventare 'dipendenti' delle assicurazioni, che ti costringono a lavorare in un altro modo e alla fine chi ci rimette è il cliente. Comunque, se il cliente passa da noi prima di andare in assicurazione di sicuro resta. Abbiamo anche tanti clienti privati, che riparano se hanno torto e la polizza non copre i danni o perché fanno manutenzione.

E montate ricambi originali?
Purtroppo, con il cliente che ha una macchina vecchia e deve pagare di tasca, se vuoi riparare e rimanere nei costi devi ripiegare su un usato o un parallelo. Ma mai a scapito della sicurezza.
Sul totale acquisti, comunque, la prevalenza è il ricambio originale, perché la macchina 'torna' meglio.

L'originale arriva in 'Cantini' da 18 anni via Cdrt. Sempre soddisfatti del servizio?
Abbiamo aderito per la comodità della consegna, anzi della doppia consegna, e per gli sconti che il consorzio trattava direttamente con la concessionaria.
Negli anni non ci siamo mai sentiti abbandonati. E poi, oltre alle iniziative organizzate dalle singole concessionarie, oltre alle convenzioni con i partner (ad alcune abbiamo aderito anche noi), il nostro promoter, Claudio, ha una periodicità di visita su cui puoi contare. Se in alcuni mesi c'è un calo di acquisti di ricambi non è perché non ci si trova bene ma perché è diminuito il giro di lavoro, perché c'è un parco auto che invecchia e molto spesso anche con l'assicurazione non regge il valore commerciale.

Contenti delle concessionarie?
So che Francesco ha dei buoni rapporti con i responsabili di magazzino di diverse concessionarie, alcuni vengono a trovarci. E vedo che funziona anche Integra: se hai davanti il cliente che vuole sapere quanto costa lo specchietto, il fatto che il magazzino ti risponda subito è importante.

All'Obi Hall per il diciottesimo del consorzio c'eravate anche voi?
C'eravamo sia io che mio fratello: una bella serata, impegnativa, tante persone, l'intrattenimento gospel...
Bello anche leggere il nome della nostra carrozzeria sul megaschermo, insieme agli altri 149 clienti che sono con il Cdrt da 18 anni. Siamo stati tra i primi a entrare nel consorzio e devo dire che tutti tutti tutti i ricambi originali passano esclusivamente da lì.

  • Auto aziendali, vince il bianco
    19 giugno 2019 - Nel 2015 piaceva nera, e in seconda e terza battuta argento o grigia (per trovarla bianca bisognava scendere nelle preferenze fino al quarto posto); nel 2017 era grigia o al massimo bianca; due anni dopo, il colore più gettonato per l'auto, anche aziendale, è indiscutibilmente il bianco. Risulta da una rilevazione condotta da Econometrica...

  • Tachigrafo digitale: obbligo per bus e tir
    17 giugno 2019 - Per la prima volta a partire dallo scorso 15 giugno, tutti i nuovi camion e gli autobus immatricolati nell'Unione Europea devono avere installato un tachigrafo digitale intelligente. Lo strumento serve a registrare le attività degli autisti per migliorare l'effettiva applicazione delle regole Ue in materia di ore di lavoro alla guida e riposo. L'azione rientra...

  • Auto green: Lombardia al top
    15 giugno 2019 - È la Lombardia la regione top per immatricolazioni di vetture 'green' e per incidenza sul totale vendite (7,3 per cento), ma a crescere maggiormente sono la Puglia (+86,2 per cento), la Toscana (+69,8) e il Molise (+65,9). In calo la Valle d'Aosta: -5,2 per cento. Risulta dall'elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI del periodo...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK