Patrizia Formica (Emmeci): "Il meglio
del viaggio in Madagascar? Le persone"

"Noi ci crediamo, in Fiat, crediamo al marchio fino in fondo". Non potrebbe essere diversamente, considerando che Autofficina Emmeci di Montemurlo (Po) è autorizzata Fiat e Fiat Professional da quando è nata, e cioè dal 1987. Lo ribadisce Patrizia Formica, in società con il marito Marco Moscardi, perché il concetto di fedeltà va anche oltre il marchio. Siamo andati a trovarla nella sede di Via Gioacchino Rossini, al suo ritorno dal viaggio premio in Madagascar...

Partiamo dal Madagascar?
Sono andata molto volentieri, è stato bellissimo. Il Cdrt si differenzia dalle altre realtà perché cerca di fare aggregazione, è molto coinvolgente, le persone sono alla mano e si vede che ci tengono. Forse perché siamo toscani…
Il ricordo più bello? La leggerezza, l'amicizia, le persone veramente meravigliose con cui sono stata in viaggio (la foto in home page ne è un chiaro esempio, NdA).

Poi il ritorno in Emmeci... Ci presenta l'azienda?
Marco Moscardi è mio marito e mio 'socio molto di maggioranza', abbiamo anche due dipendenti. Emmeci nasce ufficialmente nel 1987, nel solco di un'officina autorizzata Fiat dove Marco è entrato come socio; poi, nel 2004, è rimasto solo mio marito e io sono subentrata al posto del vecchio socio. Il primo dipendente l'abbiamo assunto nel 2004, un'altra novità di quegli anni è che siamo diventati anche gommisti.

Fiat ieri oggi domani? Il marchio 'rende'?
Assolutamente sì, siamo conosciuti principalmente proprio per Fiat, gli ingressi sotto il marchio sono più evidenti. Poi, avendo la fortuna di avere tecnici molto in gamba, è elevata anche la richiesta di riparazioni di veicoli di altri marchi.

Su che media di ingressi siete?
Una decina al giorno, ma è una media molto media. Un 60 per cento sono Fiat e nel restante 40 c'è un po' quello che circola, quasi tutte utilitarie e auto di fascia media, difficilmente lavoriamo con marchi premium.
Siamo un'officina che rispetta molto i vari marchi, se entra una macchina nuova, noi non spingiamo per fare i lavori negli anni in cui è in garanzia. 

Con le compagnie di noleggio lavorate?
Solo con Car Server, nelle altre è molto difficile entrare. Però ci occupiamo di parchi auto di aziende e di enti pubblici: l'Asl di Prato, il Ministero di Grazia e Giustizia, il Comune di Montemurlo (sia le auto della Polizia municipale che quelle di servizio).

Come clienti Cdrt montate solo originale? 
Siamo molto rispettosi del ricambio originale, ci crediamo, crediamo al marchio fino in fondo, noi si segue una linea ben precisa anche al di fuori del marchio. Tendiamo a montare originale anche per marchi che non sono Fiat e Fiat Professional.
Però siamo officina espressa, abbiamo molti clienti aziende, e quando non puoi pianificare e subentra la necessità di reperire ricambi in tempo reale qualche volta devi ripiegare sulla concorrenza, o anche quando la macchina da riparare è molto vecchia e il ricambio originale nemmeno lo trovi.

Che cosa apprezza del Cdrt?
Credo che siamo clienti da quando esiste, per me il Cdrt c'è sempre stato. Cosa apprezzo: allora, il servizio me lo fanno, le consegne sono sempre precise, non è mai capitato di avere problematiche, il sistema funziona e vedo che il Cdrt si evolve nella maniera giusta, i cambiamenti che fa li fa per semplificare il nostro lavoro.

Per esempio la App A-Service?
L'ho provata, la App, ma per ora l'ho quasi più adoperata per cercare un numero di telefono.
Tutto cambia quando hai un ufficio e una postazione. Io lavoro con Integra e ho apprezzato molto la ricerca per targa, le risposte sono abbastanza rapide. Non telefono mai a meno che il tecnico debba confrontarsi con il tecnico della concessionaria e magari ordinare un pezzo particolare. Tendiamo ad arrangiarci, mio marito è convinto che si debba riuscire da soli, che è così che si impara e si cresce...

Qual è il punto di forza di Emmeci?
L'onestà. Abbiamo clienti fidelizzati, che vengono anche da fuori, si fidano, capiscono che c'è onestà.

  • Post-Covid: Italia ancora senza incentivi
    29 maggio 2020 - Mentre la Francia vara un maxi-piano da 8 miliardi per la mobilità e la Germania si appresta a presentare una manovra analoga, l'Italia per il momento non si occupa di sostegni per il settore automotive facendo vedere nero agli operatori di un settore che, nel complesso, rappresenta il 10 per cento del pil nazionale...

  • Come ci muoveremo 'dopo'?
    27 maggio 2020 - Superata l'emergenza Covid, sette italiani su dieci utilizzeranno l'auto per i propri spostamenti; soltanto uno su dieci tornerà a servirsi dei mezzi pubblici, ritenuti poco sicuri sotto il profilo sanitario; la quota restante si divide tra bicicletta, scooter o moto, bike o car sharing. Complice la crisi economica, per l'acquisto di una nuova auto il 47...

  • Coronavirus: l’incubo Renault
    25 maggio 2020 - Continuano a farsi sentire gli effetti devastanti dell'emergenza coronavirus sul mercato dell'automotive. Questa volta a farne pesantemente le spese è Renault che sarebbe "in seria difficoltà finanziaria" e bisogna agire "urgentemente", perché "può scomparire": questo l'avvertimento lanciato dal ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK