Massimiliano Ferrini,
in carrozzeria e in pista

Passa dalla tuta da lavoro al frac, dalla cabina di verniciatura alla pista da ballo. Stiamo parlando di Massimiliano Ferrini, titolare dell'omonima carrozzeria di Reggello (Fi), che nel 2006 ha 'scoperto' il valzer viennese e il tango, lo slow fox e il quick step...

Un anno speciale per lei...
Sì perché nel 2006 ho aperto la mia carrozzeria. Ho 50 anni e faccio questo mestiere da quando ne avevo 16 (già a 14, però, trafficavo con moto e motorini a casa). Mi ha spinto un amico, dove lavoravo i rapporti non erano più buoni, era il momento giusto.
Ad aprile ho preso un fondo in affitto, ma già prima di iniziare avevo firmato per comprare un capannone nelle vicinanze. Quando ho avviato l'attività sono rimasto in affitto per sette, otto mesi; intanto ho adattato il capannone - 400 metri quadrati coperti e altri 300 scoperti - alle mie esigenze.
Lavoriamo in sei, io sono titolare unico e ho cinque dipendenti. C'è anche mio figlio Federico, che ha 25 anni, ha studiato da geometra e poi ha deciso di venire con me.

Carrozzeria pura?
E servizio gomme, per il momento va bene così. Ripariamo multimarca, 7-800 macchine l'anno dall'utilitaria ai grossi Suv; anche qualche mezzo leggero - Ducato, Daily... - fino ai 35 quintali.

Convenzioni con le compagnie assicurative ne ha?
Ne ho un po' con tutte. Non ho tariffe basse, ma le compagnie con cui lavoro le hanno accettate. E poi sono convenzionato con Athlon, si lavora bene, non faccio tante macchine ma riesco ad avere un buon margine.

Utilizza ricambi originali? 
Se devo fare una riparazione in economia, d'accordo con il cliente (il privato o l'assicurazione) posso anche usare pezzi di concorrenza, comunque l'80 per cento dei miei acquisti sono ricambi originali. Si 'ingrullisce' meno, sono tutti in linea, non devi perdere tempo per adattarli, è tutta un'altra cosa.
Se il cliente torna con un paraurti sfogliato io glielo rifò senza problemi, rispondo comunque del mio lavoro.

La clientela Ferrini apprezzerà…
Mi sto distinguendo per la qualità. Sono partito da zero ma ho sempre avuto un buon nome, e nelle tre carrozzerie dove sono andato a lavorare ho alzato il nome dei miei datori di lavoro. Adesso che sono in proprio raccolgo quello che ho seminato. 

Con il Cdrt tutto bene?
Li conoscevo da prima. Dopo un annetto che mi ero messo per conto mio si sono presentati loro, mi hanno convinto con il servizio. Sono molto seguito: Marco (Scarpi, promoter di riferimento, NdA) è disponibile, i ragazzi che consegnano sono puntuali. I ricambi arrivano tutti i giorni, velocemente (anche con il ricambista arrivavano tutti i giorni, ma perdevo lo sconto). Ho solo una consegna pomeridiana, me la fo bastare.

I ricambi come li ordina?
Per telefono. Mi rispondono e faccio prima. 

Rispondono anche a una richiesta di assistenza?
Va tutto bene, non ho mai avuto nessuna discussione. Però qui ne ho poche vicine, per andare nella concessionaria dove mi servo mi devo muovere un pochino troppo. Cerco di fare da me.

Quando lo trova il tempo per ballare?!?
Tutte le sere, dalle 19 in poi. Con mia moglie, Elisabetta Galilei, abbiamo anche una scuola di ballo: insieme lavoriamo (lei segue l'amministrazione), facciamo i corsi e balliamo. Dal 2006. La nostra specialità è la danza sportiva. Abbiamo vinto gare internazionali in Polonia, a Madrid, a Budapest, in Slovenia... Abbiamo vinto il campionato italiano 2014 e siamo arrivati settimi ai mondiali 2015 a Rimini.

La prossima gara?
Il 3 novembre a Bologna, la gara internazionale Senior Cup.

  • Coronavirus e auto: l’esempio del Giappone
    26 febbraio 2020 - A seguito dell'impatto del coronavirus sulla filiera globale dell'automotive, governo e industria del Giappone stanno istituendo una task force per reagire efficacemente alla situazione e concordare misure destinate a mitigare le conseguenze della chiusura degli impianti produttivi in Cina e del crollo del mercato. Tra i primi temi...

  • Furti d'auto sempre più hi-tech
    24 febbraio 2020 - Sono 287 in media le auto rubate ogni giorno sulle strade italiane, sotto il 40 per cento quelle ritrovate e restituite al legittimo proprietario; Campania, Lazio e Lombardia le regioni più a rischio. Nel 2018 di oltre 63mila veicoli si sono perse le tracce, rubati su commissione e instradati su mercati esteri o 'cannibalizzati' per il mercato nero...

  • Commerciali: inizio d’anno negativo
    21 febbraio 2020 - A gennaio cala ancora il mercato dei veicoli commerciali, dopo i due segni meno di novembre e dicembre, che avevano comunque permesso di chiudere il 2019 in territorio positivo (+3,5 per cento a 188.276 unità, ancora sotto le 194.000 del 2017). Secondo le stime elaborate e diffuse dal Centro Studi e Statistiche Unrae, infatti...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK