Giulio Gualdani, a Service Day
"per fermarsi e riflettere"

"Sono stato a Service Day sia venerdì che sabato, mi è piaciuto molto per i temi trattati e per l'impostazione. Il prossimo anno bisognerà andarci in due". Per la cronaca, Giulio Gualdani, titolare di Gualdani Car Service a Pergine Valdarno (Ar), ha partecipato anche a Dealer Day, e questo la dice lunga sulla concezione che questo giovane imprenditore ha del modo di condurre un'azienda: "Per me è stato importante, è un momento in cui ti fermi e rifletti su quello che stai facendo. Babbo era testa sotto il cofano e lavorava e non smetteva mai...".

Suo padre Luciano, appunto. È lui il fondatore?
Sì, ha iniziato nel 1975 come carrozziere. Io ci sono nato, in questa attività, è stata parte della mia vita fin da quando ero piccolo. La passione per il mondo delle auto l'ho sempre avuta, e babbo ha portato avanti la carrozzeria finché mi sono laureato - laurea triennale in gestione piccole e medie imprese - e mi ha passato il testimone nel 2014.
Alla carrozzeria ho aggiunto l'officina meccanica e la vendita di nuovo, usato, chilometro zero e auto aziendali. Oggi, nella stessa sede delle origini, abbiamo 5-600 metri quadrati coperti e un piazzale esterno, ma per la riparazione serve spazio, per la vendita serve spazio. Stiamo valutando di trovare uno spazio extra proprio per il reparto vendita.

Che numeri fate?
Siamo sulle 200-250 macchine l'anno, multimarca. Però papà è nato come officina autorizzata Fiat e siamo rimasti Fiat fino al 2002, l'orientamento sul gruppo FCA si sente tanto anche nelle vendite.
Abbiamo sempre avuto l'idea di servire il cliente a 360 gradi, ma si vendeva soprattutto al cliente storico che doveva cambiare macchina. Poi, nel 2016, ci siamo sganciati dai concessionari di zona e abbiamo iniziato a fare vendita in modo competitivo.
Lavoro ne abbiamo, anche come riparazione; stiamo pensando di cercare un'altra persona che ci dia una mano (oltre a me e alla mia compagna Ilaria, in amministrazione, lavorano un'impiegata, un meccanico, un carrozziere e un mio alter ego per quanto riguarda la vendita e la gestione del cliente). Io spingo sul reparto vendite perché questo mi consente di agganciare  eventuali nuovi clienti e di avere più lavoro in officina e carrozzeria.

Siete anche gommisti, vi manca solo il centro revisioni...
Siamo in una piccola realtà e ne abbiamo uno vicino.
Come ingressi siamo sulla trentina a settimana, 50 per cento del Gruppo FCA e 50 le altre marche. Ripariamo tutto, dall'utilitaria all'auto di fascia alta oltre ai commerciali fino ai 35 quintali (e abbiamo un paio di clienti con mezzi anche più grossi). Vista la tipologia di vendita, siamo più orientati sull'utilitaria e fino alla fascia media.

Convenzioni ne avete?
No, né con le compagnie di assicurazioni né con le compagnie di noleggio, anche se sul noleggio stiamo valutando un possibile partner.
Io lavoro per il mio cliente, non per l'assicurazione. Ogni tanto qualche proposta arriva, ma fino ad ora ho potuto dire di no.

In fatto di ricambi qual è la politica Gualdani?
Conta tanto l'anzianità della macchina, se ha più di dieci anni è difficile proporre di utilizzare il ricambio originale, che di norma è un po' più costoso di uno di concorrenza. Dalla vendita alla riparazione, io mi metto sempre nei panni del cliente.
Questo non vuol dire proporre gomme cinesi, per esempio. Al cliente che me le chiede rispondo "Io se vuoi te le monto ma poi non venirmi a cercare". In generale però il cliente si fida e lascia fare. Sulla meccanica puntiamo di più sull'originale per una questione di sicurezza e di garanzie, monti un prodotto che sai non ha nessun tipo di problema. Per la carrozzeria, meglio un faro originale che uno di concorrenza, ma un pezzo di ferro è un pezzo di ferro. Alla fine, sul totale acquisti, i ricambi originali sono il 40 per cento.

E arrivano in Via Presciano con il Cdrt?
Siamo clienti da quando il consorzio era ancora Cdr! Il fattore consegna è determinante: ordini la mattina e il pomeriggio hai il ricambio in officina. Un'altra cosa molto buona è la puntualità, sai che ci puoi contare. E poi la tracciabilità dei colli, vedo se i ricambi sono in consegna e programmo gli interventi.
Ordiniamo via mail, telefono, Integra. A Service Day hanno presentato la App A-Service, non la stiamo ancora utilizzando ma è questione di tempo.

Delle concessionarie Cdrt che cosa mi dice?
Questo è un rapporto che andrebbe migliorato. È vero che in tante concessionarie il magazzino è a sè rispetto all'officina, non c'è molta interazione tra i due reparti, ma non è facile avere collaborazione, e non solo perché sono oberate di lavoro. Diciamo che... cerchiamo di cavarcela da noi.

Perché il cliente sceglie Gualdani?
Io sento quello che la gente dice: "Scelgo di comprare da te, di riparare da te, perché vedo che vi date tutti da fare, c'è disponibilità nel risolvere il problema".
Per la riparazione lavoriamo molto con il territorio, i clienti sono del posto o comunque in un raggio di venti chilometri. Per la vendita arrivano da più lontano, da Pergine e poi dalla provincia di Arezzo, di Firenze, di Siena... L'altro giorno ho venduto una macchina a Cosenza!

  • Coronavirus e auto: l’esempio del Giappone
    26 febbraio 2020 - A seguito dell'impatto del coronavirus sulla filiera globale dell'automotive, governo e industria del Giappone stanno istituendo una task force per reagire efficacemente alla situazione e concordare misure destinate a mitigare le conseguenze della chiusura degli impianti produttivi in Cina e del crollo del mercato. Tra i primi temi...

  • Furti d'auto sempre più hi-tech
    24 febbraio 2020 - Sono 287 in media le auto rubate ogni giorno sulle strade italiane, sotto il 40 per cento quelle ritrovate e restituite al legittimo proprietario; Campania, Lazio e Lombardia le regioni più a rischio. Nel 2018 di oltre 63mila veicoli si sono perse le tracce, rubati su commissione e instradati su mercati esteri o 'cannibalizzati' per il mercato nero...

  • Commerciali: inizio d’anno negativo
    21 febbraio 2020 - A gennaio cala ancora il mercato dei veicoli commerciali, dopo i due segni meno di novembre e dicembre, che avevano comunque permesso di chiudere il 2019 in territorio positivo (+3,5 per cento a 188.276 unità, ancora sotto le 194.000 del 2017). Secondo le stime elaborate e diffuse dal Centro Studi e Statistiche Unrae, infatti...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK