Maurizio Corsano (Immediauto),
"Sanificazione gratuita a domicilio"

"Grazie a Maurizio di Immediauto, che in questi giorni di 'riposo forzato' si è offerto di sanificare, gratuitamente, tutti i nostri automezzi. Un gesto prezioso per i confratelli, le consorelle e i dipendenti quotidianamente impegnati sui servizi. Che Dio te ne renda merito". È il commento postato il 26 marzo sulle pagine Facebook dell'azienda di riparazione fiorentina fondata nel 2015 da Maurizio Corsano, l'imprenditore che dopo quasi 40 anni di attività ha virato verso la carrozzeria rapida (interventi da 4 a massimo 12 ore).

Anche lui come tutti si è trovato a dover 'stare a casa', ma nemmeno l'interpretazione in senso più restrittivo del Decreto del 13 marzo poteva impedirgli di mettersi gratuitamente a disposizione di chi su un veicolo ci deve salire per forza e allora è preferibile che quel veicolo sia sanificato.

"È da anni", spiega Corsano, "che tratto con l'ozono gli abitacoli di macchine a noleggio e non solo. Con i miei due generatori di Ozono O3 posso fare interventi a domicilio, anche due alla volta". Detto fatto. Il tempo di annunciarlo su quella bacheca ad altissima visibilità che è Facebook, e Immediauto si è trovata a "rispondere a richieste da Firenze, Pistoia e comuni limitrofi. Fino a questo momento, nel pieno dell'emergenza da Covid-19, ho sanificato una quarantina tra ambulanze, automediche e mezzi funebri. La procedura si conclude in trenta minuti, quaranta se c'è separazione degli ambienti rispetto alla cabina di guida".

Anche a Maurizio Corsano è capitato di rientrare alla base con i segni della mascherina impressi sul volto, e forse è anche per questo che alla domanda sull'ipotetica cessazione del servizio risponde "vado avanti finché c'è bisogno". Del resto, ha fatto suo il motto di Madre Teresa di Calcutta: "Non importa quanto si dà ma quanto amore si mette nel dare", aggiungendo che "non è importante a chi si dà ma per chi dà".

  • Post-Covid: Italia ancora senza incentivi
    29 maggio 2020 - Mentre la Francia vara un maxi-piano da 8 miliardi per la mobilità e la Germania si appresta a presentare una manovra analoga, l'Italia per il momento non si occupa di sostegni per il settore automotive facendo vedere nero agli operatori di un settore che, nel complesso, rappresenta il 10 per cento del pil nazionale...

  • Come ci muoveremo 'dopo'?
    27 maggio 2020 - Superata l'emergenza Covid, sette italiani su dieci utilizzeranno l'auto per i propri spostamenti; soltanto uno su dieci tornerà a servirsi dei mezzi pubblici, ritenuti poco sicuri sotto il profilo sanitario; la quota restante si divide tra bicicletta, scooter o moto, bike o car sharing. Complice la crisi economica, per l'acquisto di una nuova auto il 47...

  • Coronavirus: l’incubo Renault
    25 maggio 2020 - Continuano a farsi sentire gli effetti devastanti dell'emergenza coronavirus sul mercato dell'automotive. Questa volta a farne pesantemente le spese è Renault che sarebbe "in seria difficoltà finanziaria" e bisogna agire "urgentemente", perché "può scomparire": questo l'avvertimento lanciato dal ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK