Carrozzeria Massaia a Firenze è senza
insegna, ma il cliente sa dove andare

"Secondo me ci si rimette in piedi, l'importante è non fermarsi un'altra volta". Con i suoi 74 anni, Carlo Longuri ne ha viste abbastanza da essere più credibile di tanti 'profeti' di oggi. Socio titolare di Carrozzeria Massaia a Firenze, ci ha virtualmente accolto in Via del Palazzo Bruciato.

Qui da quando?
Dal 1996, ma la carrozzeria è nata nel 1975 in via Massaia a Firenze, ecco perché il nome. E io lavoravo già dal 1959, avevo 13 anni.
Quando abbiamo aperto eravamo tre soci, oggi sono rimasto solo io e mio figlio Lorenzo è in società con me. Siamo in sei in tutto, in circa 400 metri quadrati coperti.

Com'è il giro di lavoro, si comincia a vedere un dopo-Covid?
Noi in tempi normali facciamo grossomodo 50 macchine al mese, ad aprile ne sono entrate pochissime, a maggio una trentina, a giugno avevamo dei lavori da finire, ma non sono tanti i nuovi ingressi.
Secondo me ci si rimette in piedi, l'importante è non fermarsi un'altra volta. Traffico ne vediamo, la voglia di ricominciare c'è.
Noi ripariamo soprattutto vetture, di tutte le marche, dall'utilitaria in su, le piccole più delle altre. E pochi veicoli commerciali.

Convenzioni ne avete?
Con UnipolSai e Intesa San Paolo, e si lavora abbastanza bene. Un po' siamo stati 'costretti' a convenzionarci, se no tanti clienti li avremmo persi. Flotte? Nessuna, abbiamo qualche macchina in noleggio a lungo termine ma senza particolari accordi. Il lavoro con le compagnie lo devi fare velocemente, fino ad oggi non è una strada che abbiamo mai seguito, ma forse è perché abbiamo sempre lavorato e non ne abbiamo avuto bisogno.

Sui ricambi qual è la politica Longuri?
Dipende dal portafoglio del cliente. Io monterei solo originale, è migliore come qualità, ma se il cliente mi dice "non voglio spendere", a volte devi prendere la concorrenza. Capita anche, magari con macchine vecchie, che con gli sconti che ti fanno sull'originale ti conviene prendere quello piuttosto che il ricambio di concorrenza.
Sul totale acquisti, il grosso sono ricambi originali, ma ultimamente vediamo gente che proprio non vuole spendere, le basta viaggiare, e nemmeno la vorrebbe riparare la macchina, o fare proprio il minimo minimo. C'è chi è in difficoltà vera.

Con il Cdrt si trova bene?
Hanno praticamente tutti i marchi, ci fanno un buon servizio due volte al giorno - a parte in questo momento che la consegna è una sola, ma passerà - e quindi siamo coperti bene.
Le concessionarie sono abbastanza collaborative, però se hai bisogno di assistenza il servizio lo paghi. Il rapporto con i magazzinieri è buono, ordiniamo soprattutto per telefono, ma si perde molto tempo, quindi anche con il portale.

Non avete un sito internet, secondo lei perché i clienti scelgono Carrozzeria Massaia?
Non abbiamo neanche la scritta fuori dalla carrozzeria, arrivano clienti che mi dicono "non mi ero nemmeno accorto che ci siete". Da noi funziona il 'porta a porta', il cliente che si è trovato bene torna e fa girare la voce.
Io credo che apprezzino la gentilezza, la disponibilità, e poi la qualità del lavoro, la competenza.

Misure anti-Covid ne avete prese?
Cartelli, mascherine - che prima usava solo il verniciatore e ora sono per tutti - e la macchina per igienizzare, per fare un po' di fumo. È un servizio che diamo al cliente, anche gratuitamente.

  • Mercato Luglio: perdite limitate all’11%
    7 agosto 2020 - Gli sforzi fatti dalle case automobilistiche e dalle loro reti di vendita con allettanti offerte promozionali, hanno consentito al mercato italiano nel mese di luglio di limitare la perdita ad un -11 per cento rispetto allo stesso periodo 2019, contenendo il calo della domanda ed anche il rallentamento per l'attesa dell'avvio, dal primo agosto, degli...

  • In vacanza con l'auto
    5 agosto 2020 - Auto, aereo, treno. Sono, in quest'ordine, i mezzi che gli italiani stanno utilizzando per raggiungere la meta delle loro vacanze. Lo comunica l'Osservatorio Autopromotec sulla base di una recente ricerca di Italiani.coop effettuata su un campione rappresentativo della popolazione italiana tra i 18 e i 65 anni di età. In questa estate...

  • Ecobonus: partenza col botto!
    3 agosto 2020 - È partito a vele spiegate l'ecobonus per incentivare l'acquisto delle auto non inquinanti. Sarebbero già migliaia infatti le domande giunte al ministero dello Sviluppo a partire dallo sabato scorso primo agosto. Basti pensare che, secondo notizie rilanciate dall'Ansa, solo nelle prime due ore di attivazione delle richieste sarebbero arrivate ben 3.000...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK