Roberto Micheli da Pisa,
meccatronico e ciclista

Il primo tentativo di agganciare Roberto Micheli va a vuoto, nel senso che mi risponde ma la sua pausa pranzo la sta consumando sui pedali. Già perché, come mi spiegherà al suo rientro in Officina Micheli Mirello di Vecchiano (Pi), "il ciclismo è più di uno sport amatoriale. Ha presente la Maratona delle Dolomiti? Ho corso anche quella". Ciclismo e prima ancora calcio, finchè i dolori alle articolazioni lo hanno costretto ad appendere le scarpe al chiodo, e la cucina. Quando però varca la soglia di Via Capannone 1, Roberto Micheli è 100 per cento dedicato ai motori.

Viste le sue passioni, non oso chiederle che cosa avrebbe voluto fare da grande...
In realtà ho fatto la scuola di meccanica, quindi mi ero preparato per seguire il babbo nell'attività che ha avviato nel 1969. Io sono entrato stabilmente nel 1985 e mia sorella Rosaria tre anni prima di me. Siamo nella stessa sede delle origini, ma nel tempo abbiamo portato a termine i lavori che aveva iniziato nostro padre, ampliando e rimodernando sia l'officina che l'area adibita a vendita di nuovo, a marchio Ford, e usato, multimarca.

Ford perché siete officina autorizzata?
Dal 1986, quando ci innamoriamo restiamo fedeli. Scherzi a parte, siamo l'unica officina autorizzata Ford nella provincia di Pisa, e infatti il marchio incide per circa il 60 per cento sul totale degli ingressi.
Ripariamo dall'utilitaria ai suv, ai furgoni fino a 50 quintali; il babbo aveva cominciato con i veicoli industriali e i mezzi di cava cantiere, poi quel settore è andato in calando, avrebbe avuto bisogno di dipendenti specializzati e nuove attrezzature, e abbiamo preferito spostarci sulle auto e i commerciali. Del primo periodo è rimasta l'assistenza sui cronotachigrafi, ovviamente non digitali, ma è una nicchia destinata a esaurirsi.

Qual è l'offerta Micheli?
Meccanica, gomme, elettrauto. Per le revisioni ci appoggiamo ai centri vicini, si collabora. E poi, come responsabile per la vendita di auto nuove e usate, servizio clienti e amministrazione, c'è mia sorella Rosaria.

Per molti suoi colleghi gli ultimi due sono stati anni difficili. Per lei?
La pandemia l'abbiamo sofferta un po' come tutti, ma abbiamo comunque lavorato, anche aiutandoci con il servizio di presa e consegna (che offrivamo già e continuiamo a offrire). Quest'anno si è ripreso bene.
Lavoriamo soprattutto con il privato e tanto con Arval, con cui siamo convenzionati da una quindicina d'anni. Uno dei nostri dipendenti è punto di riferimento per quello che riguarda l'accettazione, l'approvvigionamento ricambi, l'assistenza al cliente... lavora bene ed è apprezzato. In più, negli anni sono diventati nostri clienti i familiari di alcuni utilizzatori dell'auto aziendale.

A proposito di ricambi, qual è la politica Micheli?
Per Ford tutto originale, e non solo perché dobbiamo fare gli obiettivi; per tutti gli altri marchi l'85-90 per cento è originale. Per i prezzi, ormai quasi allineati a quelli di concorrenza, perché quando ordini un pezzo sei certo di montare quello giusto, perché con un ricambio originale sei più sicuro anche tu. E poi, se abbiamo bisogno di assistenza, le concessionarie del Cdrt aprono le porte.

Affiliati da molto?
Da circa cinque anni. Siamo comodi con la consegna, che ci evita di andare per concessionarie a prendere i ricambi, il promoter ci segue bene, e poi lavorando con il portale vedi subito se il ricambio è disponibile, qual è lo sconto, e la preventivazione è rapida. Ormai, usiamo il telefono solo se c'è qualche problema.

So che molti suoi clienti arrivano da lontano, come se lo spiega?
In effetti ne abbiamo parecchi da fuori provincia: Viareggio, Torre del Lago, Lucca...

"Il nome di papà, che ha più di 90 anni ed è ancora una testa brillante, è una garanzia", si inserisce Rosaria, "ma mio fratello è davvero preparato. Ha fatto tutti i corsi Ford a livello master, è preciso e competente. E i nostri dipendenti non sono da meno. Mettiamo a disposizione dei clienti personale qualificato, che si mantiene aggiornato su tutte le novità del settore, elettrico-ibrido compreso".

  • Fare benzina in... dialetto
    17 agosto 2022 - Italiano, inglese, tedesco, spagnolo, francese e... dialetto. Curiosa iniziativa quella avviata da Eni che fa dialogare i suoi 1.700 terminali Eni Live Station con il cliente di turno nella lingua vernacolare del posto. Avviato a fine luglio in 17 impianti di distribuzione, il test è diventato prassi in quasi tutta Italia. La compagnia petrolifera...

  • Multe, Milano batte tutte
    15 agosto 2022 - È Milano a guidare la classifica delle città italiane che nel 2021 hanno incassato di più grazie alle multe stradali (102,6 milioni di euro per sanzioni da violazione del codice, di cui quasi 13 da autovelox), ma a Bologna spetta il primato della sanzione media procapite più elevata (96 euro). Sono dati pubblicati sul portale del Ministero dell'Interno...

  • Assicurazioni, il settore auto non cresce
    13 agosto 2022 - Diminuisce la raccolta premi del settore vita, che nel primo trimestre 2022 è stata di 27,3 miliardi di euro, l'8,8 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso; in aumento quella del settore danni, che è stata di 10,2 miliardi, il 4,6 per cento in più rispetto al primo trimestre 2021. Lo rende noto l'Ivass, l'Istituto per la Vigilanza...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK