Davide Zolfanelli (Carrozzeria Puccini),
"Fuori c'è il vuoto, aspettiamo..."

"Lavoro ne ho, però fuori c'è il vuoto e il flusso da Hertz si è completamente bloccato. Sono un po' preoccupato anche per i pagamenti da parte delle compagnie assicurative, che cominceranno a tardare". È la lucida fotografia dell'attività ai tempi del Coronavirus scattata da Davide Zolfanelli, socio titolare di Carrozzeria Puccini a Osmannoro. In attesa di capire che cosa succederà nelle prossime settimane, ci siamo tuffati nel passato...

Andiamo indietro all'anno?
1975, quando la carrozzeria è stata fondata da mio padre insieme a un socio. Papà è in pensione e fa... il nonno di quattro bambini, due miei e due di mia sorella.
Nel 2007 io e Vincenzo Errante, ex dipendente di mio padre e ora socio, abbiamo deciso di trasferirci da Piazza Puccini a Firenze a Osmannoro, a dieci chilometri. Volevamo una struttura nuova e avevamo bisogno di spazio. Lavoriamo in tre, oltre a collaboratori a chiamata, in 450 metri quadrati coperti.

'Solo' carrozzeria?
Carrozzeria, meccanica leggera, servizio noleggio con cinque auto interne e appoggio esterno, e restauro di qualsiasi mezzo, dalle auto americane ai trattori d'epoca...
Ripariamo sei-sette veicoli a settimana, anche furgoni, camion, bilici (abbiamo soffitti alti otto metri) e pullman della polizia. Siamo carrozzeria multimarca, ma abbiamo un accordo con Eurocar Volkswagen-Audi-Škoda che canalizza parecchio. E siamo convenzionati con Hertz e Car Server.

Non ha citato le compagnie assicurative...
Nessuna convenzione, a casa mia comando io e la tariffa oraria la decido io. Certo, bisogna valutare le proposte, se mi mandano lavoro posso anche pensare di privarmi di quei tre-quattro euro l'ora, ma non di dieci!

Qual è la politica di Carrozzeria Puccini in tema di ricambi?
Lavoriamo parecchio con l'originale, almeno all'80 per cento. Prima di tutto per dare una garanzia al cliente, e poi perché i ricambi 'tornano', non ci si perde tempo per far 'tornare' un cofano o un parafango. Senza contare che comprando in concessionaria se devo spegnere qualche spia mi fanno passare avanti.

Ricambi che arrivano in Via Ugo La Malfa con il Cdrt?
Qui ci vorrebbe mio padre per dirle da quando, noi siamo sempre stati con il Cdrt. E mi sono sempre trovato bene, e quando ci si trova bene non si va a cercare altro. I ricambi arrivano puntuali due volte al giorno e Massimiliano si occupa di me (Massimiliano Nieddu, promoter di riferimento, nda). Tutto regolare, niente da dire.

Come li fa gli ordini?
Per telefono. Mentre lavoro chiamo e dico quello che mi ci vuole, con internet perdo tempo.

A proposito di internet, le capita il cliente con il ricambio comprato online?
Poche volte, non sono i miei clienti preferiti. Io dico la verità, se non 'torna' sono problemi suoi, non ci perdo tempo.

In generale com'è la clientela Puccini?
Ci sono clienti dei tempi di papà, clienti nuovi.. Ci siamo messi anche sui fuoristrada: è capitato un cliente con un fuoristrada, poi abbiamo partecipato al Service Show organizzato dal Cdrt e il giro si è allargato. In più, abitando a 40 chilometri da Osmannoro, faccio anche servizio a domicilio lungo il tragitto per andare e venire da casa.
Le nostre qualità? Disponibilità, gentilezza, e pazienza.

  • Post-Covid: Italia ancora senza incentivi
    29 maggio 2020 - Mentre la Francia vara un maxi-piano da 8 miliardi per la mobilità e la Germania si appresta a presentare una manovra analoga, l'Italia per il momento non si occupa di sostegni per il settore automotive facendo vedere nero agli operatori di un settore che, nel complesso, rappresenta il 10 per cento del pil nazionale...

  • Come ci muoveremo 'dopo'?
    27 maggio 2020 - Superata l'emergenza Covid, sette italiani su dieci utilizzeranno l'auto per i propri spostamenti; soltanto uno su dieci tornerà a servirsi dei mezzi pubblici, ritenuti poco sicuri sotto il profilo sanitario; la quota restante si divide tra bicicletta, scooter o moto, bike o car sharing. Complice la crisi economica, per l'acquisto di una nuova auto il 47...

  • Coronavirus: l’incubo Renault
    25 maggio 2020 - Continuano a farsi sentire gli effetti devastanti dell'emergenza coronavirus sul mercato dell'automotive. Questa volta a farne pesantemente le spese è Renault che sarebbe "in seria difficoltà finanziaria" e bisogna agire "urgentemente", perché "può scomparire": questo l'avvertimento lanciato dal ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK