Mauro Miniati (Carrozzeria Quadrifoglio):
"Lavorerò sempre e solo con i privati"

"Morirò gonfio, arrabbiato, però libero". Titolare insieme alla sorella Laura di 'Carrozzeria Quadrifoglio' a Firenze, Mauro Miniati ha le idee chiarissime: "Lavorerò sempre e solo con i privati. Tutti vanno in direzione delle assicurazioni e ci sarà anche un guadagno, ma la mia è una scelta".

Di indipendenza?
Non è che voglio comandare in casa mia - chieda ai dipendenti che sono con noi dal '78 o dall'83 - ma io devo rendere un servizio al mio cliente e non all'assicurazione. Il cliente ci sceglie, ne abbiamo tre-quattrocento 'generazionali', con noi da quando c'era nostro padre. Una soddisfazione.

Di che anni parliamo?
Andiamo indietro di più di cinquant'anni. Nostro babbo, Giancarlo, aveva aperto la carrozzeria con quattro soci. Poi - chi è andato in pensione, chi ha lasciato - siamo subentrati io e mia sorella Laura, che segue l'amministrazione. Nessuno ci ha forzato. A me piaceva lavorare con le mani, mi piaceva il lavoro di carrozzeria, anche se ora è un po' cambiato; con la scuola non andavo d'accordo e... ho 41 anni e da oltre 20 sono qui.

Sempre in Via Buozzi?
Questa è la sede dal 1983: 500 metri quadrati coperti, ne avanza anche.

Poco lavoro in rapporto agli spazi?
Qui entra un po' di tutto: dall'utilitaria all'escavatore, dal trattorino al Porsche o al Ferrari. Il 90 per cento sono auto, multimarca per scelta.
Tornando alla sua domanda: il lavoro c'è ma secondo me la crisi non cesserà mai davvero, perché si è innescato un meccanismo brutto, c'è poca serietà anche tra le carrozzerie, si cerca di fare il lavoro a meno e questa cosa non mi piace per nulla.

Per preservare la qualità punta sul ricambio originale?
Se posso monto sempre originale, ma dipende dal cliente. Direi che un 85 per cento sono ricambi originali e il resto di concorrenza. A forza di chiacchierare, a forza di rompere le scatole, anche i magazzini hanno capito che, soprattutto su macchine vecchiotte, se vuoi vendermi un ricambio originale mi devi fare uno sconto più alto.
Il cliente probabilmente non si accorge della differenza, ma tu carrozziere sì. Al cliente glielo fai capire come viene la macchina se monti un ricambio originale o uno di concorrenza.

Carrozzeria Quadrifoglio è cliente del Cdrt da anni. Contento del servizio?
Ci sono stati un po' di 'scricchiolii' tempo fa, con un promoter, ora c'è Nieddu che è bravissimo e disponibilissimo. Alzi il telefono e mai una volta che non risponda.
Abbiamo anche due consegne al giorno, cos'altro dovremmo volere? Di mandarci in vacanza un po' più spesso! Ma è una battuta, ovviamente...
È indiscutibile che il servizio del Cdrt ha un valore eccezionale. 

Delle concessionarie cosa mi dice?
Che il magazziniere deve fare il magazziniere e io devo fare il carrozziere. Ci sono magazzinieri con gli attributi giusti, che mi dicono come montare, che cosa serve, che cosa manca. Io magari ordino una portiera e poi in fase di montaggio scopro che mi manca l'adesivo. Il magazziniere bravo me lo dice prima.

E il carrozziere bravo che caratteristiche ha?
Noi non andiamo a fare pubblicità su internet, né sui cartelloni, abbiamo scelto l'anonimato. Però abbiamo clienti che arrivano da 60 chilometri di distanza, il passaparola funziona.
Io punto sul rapporto con le persone, per me è sempre una questione di fiducia.

  • Auto elettrica: allarme lavoro
    12 dicembre 2018 - Finora si è sempre parlato dei positivi effetti ambientali legati a un passaggio sempre più massiccio alla mobilità elettrica. Qualcuno però ha cominciato ora a considerare anche quali potranno essere le conseguenze per il mondo dell’industria automotive, e in particolare per quel che concerne l’occupazione. Ebbene...

  • Gomme online: ma l'Iva chi la paga?
    10 dicembre 2018 - Se si acquistano online pneumatici eccessivamente a buon mercato, è molto probabile che il venditore abbia evaso l'Iva. Lo rileva un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore, a firma di Anna Abagnale e Benedetto Santacroce, che punta il dito su "certe pubblicità che accennano a vendite in regime di esenzione". Una "concorrenza sleale...

  • Ecotassa auto: dura reazione di AsConAuto
    7 dicembre 2018 - ''Adesso basta!''. Questa la reazione immediata con la quale Giorgio Boiani, vicepresidente con delega alla comunicazione di AsConAuto accoglie a Bruxelles l'informazione della possibile ennesima tassa sul settore contenuta in un emendamento approvato dalla Commissione Bilancio della Camera. La misura sta suscitando un coro unanime di proteste...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK