Graziano Carniato (Carrozzeria San Giusto),
"I cambiamenti si affrontano"

Ha passato i 60 anni, Graziano Carniato, ma la curiosità è più viva che mai. E infatti, alla proposta del suo promoter di partecipare ad 'A come Service', il titolare di Autocarrozzeria San Giusto di Prato ha aderito con l'entusiasmo che lo contraddistingue.

Una giornata a Venezia è sempre allettante?
Non le nascondo che ho approfittato del 'passaggio' del Cdrt per poi prolungare il soggiorno e fare un week end con mia moglie. Ma l'evento mi incuriosiva, da quel che mi aveva anticipato Francesco (Petrocelli, storico promoter di riferimento, nda) si prospettava interessante. E così è stato. Una giornata ben organizzata a partire dal viaggio in pullman. Ho seguito il convegno sulla formazione e quello sulle comunità energetiche e mi sembra chiaro che anche se non sappiamo come andrà il mondo in futuro abbiamo capito che i cambiamenti ci saranno e che noi siamo ancora indietro, come Paese e come italiani. Ho ascoltato anche Sly Soldano e Horacio Pagani, mia moglie era con me e ci sono piaciuti tutti e due.

Poi il lunedì puntuale in Via del Purgatorio. Com'è la situazione post pandemia?
Il 2020 è stato abbastanza oneroso, ma non abbiamo licenziato nessuno - oltre a me e a mio figlio Andrea ci sono sette dipendenti - e abbiamo utilizzato soltanto in parte la cassa integrazione. Da giugno dell'anno scorso a oggi la situazione è cambiata in meglio, stiamo tornando ai livelli 2019.
Certo i problemi ci sono: le auto nuove scarseggiano, il caro carburante è una voce di spesa importante e alcuni ricambi faticano ad arrivare, ma spero che non vedremo le macchine rappezzate e multicolori di Cuba! Alla fine, noi non abbiamo tante aziende pubbliche qui intorno, la gente a lavorare ci va e la macchina la usa. I cambiamenti come le dicevo ci saranno, ma si affrontano.

Prima della pandemia la carrozzeria si è ampliata. Altre novità recenti?
Ci eravamo allargati in un capannone adiacente per aggiungere gommaio e meccanica, che non sono servizi particolarmente redditizi ma vanno offerti proprio per garantire la completa assistenza. E poi siamo autorizzati Citroën, anche se in questo momento è tutto congelato e siamo in attesa degli aggiornamenti da Casa madre.
Una novità recente è l'installazione della colonnina per la ricarica. Come carrozzeria siamo predisposti a trattare l'elettrico, però circola ancora poco, abbiamo visto giusto qualche Tesla e Fiat 500.

Alle compagnie di noleggio continua a dire no?
Non abbiamo nessuna convenzione con le flotte; hanno tariffe di manodopera troppo basse e in più spesso ti portano i ricambi. No, non ci garba lavorare sottocosto, non sarebbe un lavoro fatto bene.

La politica Carniato in fatto di ricambi?
Contiamo 6-700 ingressi l'anno, dall'utilitaria all'alto di gamma, e la nostra scelta è utilizzare sempre ricambi originali. Il nostro cliente viene in San Giusto anche per questo.
Poi bisogna considerare l'età dell'auto e altre cose, ma il ricambio originale è quello prescelto per la qualità del lavoro e perché non va adattato, operazione che fa solo perdere tempo. Succede che si presentino clienti che hanno comprato ricambi su internet: non li si respinge perché se il lavoro non glielo fai tu glielo farà qualcun altro, ma cerchiamo di scoraggiarli dando consigli.

Quando sono ricambi originali arrivano in carrozzeria via Cdrt?
Non siamo tra i primi 150 autoriparatori che sono diventati clienti del consorzio, oltre vent'anni fa, ma è stata questione di pochi mesi. Oltre alla consegna dei ricambi io guardo i rapporti con i partner, con le concessionarie che sono disponibili a garantire assistenza quando serve, e vedo che è un'azienda molto seria, molto organizzata, migliorata anche nelle consegne. La vedo sempre più moderna.

  • Fare benzina in... dialetto
    17 agosto 2022 - Italiano, inglese, tedesco, spagnolo, francese e... dialetto. Curiosa iniziativa quella avviata da Eni che fa dialogare i suoi 1.700 terminali Eni Live Station con il cliente di turno nella lingua vernacolare del posto. Avviato a fine luglio in 17 impianti di distribuzione, il test è diventato prassi in quasi tutta Italia. La compagnia petrolifera...

  • Multe, Milano batte tutte
    15 agosto 2022 - È Milano a guidare la classifica delle città italiane che nel 2021 hanno incassato di più grazie alle multe stradali (102,6 milioni di euro per sanzioni da violazione del codice, di cui quasi 13 da autovelox), ma a Bologna spetta il primato della sanzione media procapite più elevata (96 euro). Sono dati pubblicati sul portale del Ministero dell'Interno...

  • Assicurazioni, il settore auto non cresce
    13 agosto 2022 - Diminuisce la raccolta premi del settore vita, che nel primo trimestre 2022 è stata di 27,3 miliardi di euro, l'8,8 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso; in aumento quella del settore danni, che è stata di 10,2 miliardi, il 4,6 per cento in più rispetto al primo trimestre 2021. Lo rende noto l'Ivass, l'Istituto per la Vigilanza...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK